Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Variabilità e differenziazione genetica nella specie antartica Gomphiocephalus hodgsoni (Hexapoda, Collembola, Hypogastruridae)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 ecotossicologici hanno evidenziato che alcune specie di collemboli possono costituire importanti indicatori biologici. La maggior parte delle specie si nutre di ife fungine, ma non tutte sono fitofaghe o detritivore, ed alcune sono carnivore (predano nematodi e rotiferi) oppure manifestano forme di cannibalismo. La biogeografia rivela una distribuzione mondiale praticamente ubiquitaria dei collemboli. Questi sono stati in grado di colonizzare tutti gli habitats terrestri, con molte specie estremofile presenti in zone desertiche, glaciali e ambienti subterrestri. L'attuale distribuzione geografica dei collemboli suggerisce che la formazione geologica di nuovi habitats vergini ha permesso l'avvento di svariate radiazioni adattative. Ci� � chiaramente manifestato dalla presenza di numerose specie endemiche rinvenute in habitats isolati. Tanto per fare un riferimento a questa tesi, oltre il 90% delle specie di collemboli scoperte in Antartide orientale sono endemiche (Greenslade, 1995). La loro capacit� di dispersione � limitata dal fatto che sono insetti di piccole dimensioni, strettamente legati all'ambiente edafico e, soprattutto, primitivamente atteri. Tuttavia, in particolari casi, le stesse caratteristiche garantiscono una maggiore possibilit� di dispersione mediante agenti fisici come ad esempio il vento. I collemboli sono insetti ametaboli, le cui dimensioni sono dell'ordine di pochi millimetri, sebbene la specie Tetrodontophora bielanensis possa raggiungere i 9 mm di lunghezza, e alcuni membri della sottofamiglia Uchidanurinae si accrescano fino ad un centimetro (Greenslade, 1991). Le circa 20 famiglie sono divise in tre sottordini sulla base della forma del corpo: Arthropleona con corpo allungato, Symphypleona e Neelipleona aventi forma globulare dovuta alla fusione di alcuni segmenti addominali. Il loro corpo � tipicamente diviso in testa, torace trisegmentato ed addome esasegmentato.

Anteprima della Tesi di Lorenzo Cateni

Anteprima della tesi: Variabilità e differenziazione genetica nella specie antartica Gomphiocephalus hodgsoni (Hexapoda, Collembola, Hypogastruridae), Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Lorenzo Cateni Contatta »

Composta da 74 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2384 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.