Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'amministrazione della giustizia alla caduta della Repubblica di Venezia. Problematiche in una fase di transizione (1797-1806)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

suo predecessore Marco Foscarini invitava a “impedir le novità perniziose e a lassar le cose come le stà”. La politica di non-intervento nelle guerre europee culminerà nella dottrina della “neutralità disarmata”, osteggiata da una buona componente del ceto patrizio 3 , anche se occorre rilevare che su questo punto giocarono essenzialmente le ragioni dell’economia: armare infatti avrebbe significato compromettere il risanamento del bilancio, operazione perseguita con ostinazione da mezzo secolo. L’idea di una fine della Repubblica cominciava però a farsi strada, non solo presso le cancellerie estere (soprattutto presso quella austriaca che aspirava a subentrare nel controllo esclusivo dell’Adriatico), ma anche nella maggior parte degli stessi governanti veneziani 4 . Il nuovo ciclo storico segnato dalla Rivoluzione francese e dall’ascesa di Napoleone Bonaparte e i conseguenti eventi internazionali che coinvolsero le massime potenze europee avrebbero travolto quell’entità passiva che era ormai diventata la Repubblica di Venezia 5 . … (omissis) … cit., p. 4. Il clima politico di quegl’anni in Piero Del Negro, Proposte illuminate e conservazione nel dibattito sulla teoria e la prassi dello Stato, in Storia della cultura veneta ... cit., Il Settecento vol. 5/II, pp. 123-145. 3 Fra tutti ricordiamo Francesco Pesaro, futuro commissario imperiale austriaco. 4 D. Beltrami, Storia della popolazione ... cit., pp. 71-79, individua proprio nella decadenza demografica della classe dirigente una delle cause della caduta. I nobili si erano ridotti negli ultimi decenni del ‘700 intorno alle 3.400 unità: si riscontrava quindi un affievolirsi delle energie preposte alla direzione del governo. Neppure le numerose aggregazioni alla nobiltà effettuate fra il 1627 ed il 1788, pari a 107 nuove famiglie (corrispondenti a 500-600 persone), avevano alterato il rapporto con il resto della popolazione: la percentuale dei nobili era scesa al 2,4%, mentre la massa del basso popolo ammontava al 93,6%. Anche la classe funzionariale, i cosiddetti “cittadini originari”, che rappresentavano al momento della caduta il 3,6% della popolazione, erano diminuiti di quasi la metà nel corso dei secoli XVII° e XVIII°. Soprattutto per l’aumento della mortalità infantile, a Venezia “le classi d’eta giovanile, specie negli ultimi 50 anni del XVIII° secolo, si fecero relativamente meno numerose e la popolazione complessiva risultò in fase di lento invecchiamento” (p.192). 5 Una descrizione della rivoluzione francese vista con gli occhi critici di un patrizio veneziano è contenuta nel saggio di Giovanni Pillinini La Francia rivoluzionaria nei dispacci di Almorò Pisani (1790-92), in Studi Veneti ... cit., pp. 349-357. Viceversa è uno straniero che assiste alla caduta della Repubblica nel saggio di Giovanni Stiffoni La fine della Repubblica nei dispacci diplomatici dell’ultimo ambasciatore spagnolo a Venezia, id., pp. 359-367.

Anteprima della Tesi di Lorena Dei Rossi

Anteprima della tesi: L'amministrazione della giustizia alla caduta della Repubblica di Venezia. Problematiche in una fase di transizione (1797-1806), Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Lorena Dei Rossi Contatta »

Composta da 149 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2999 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.