Skip to content

L'amministrazione della giustizia alla caduta della Repubblica di Venezia. Problematiche in una fase di transizione (1797-1806)

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Il diritto Le fonti Il sistema normativo veneziano ebbe un’origine autoctona, in una realtà geopolitica isolata ma non esclusiva. Non fu immune, né all’origine né durante il suo sviluppo, da influssi di diversa provenienza - romana, bizantina, longobarda, germanica - anche se la sua originalità fu sempre ostentata dalla classe dirigente veneziana, quasi a rafforzare l’idea di un’indipendenza prima ancora politica che culturale 15 . I veneziani erano vincolati da un particolare contesto ambientale ed economico ad una visione empirica e pragmatica delle cose e il diritto che generarono fu, almeno all’inizio, essenzialmente consuetudinario ed improntato alla soluzione equanime delle controversie. Esso altresì “ebbe sin dalle epoche più remote carattere territoriale, accumunando in un unico sistema normativo tutti e solo coloro che lentamente prendevano coscienza di appartenere all’unico sistema costituzionale” 16 . E’ a partire dalla seconda metà del XII° secolo che si affiancò una vera e propria legislazione scritta 17 , gli Statuti, alle tradizionali fonti di diritto. Ma il carattere delle norme statutarie veneziane fu essenzialmente procedurale ed appare come la trasposizione scritta di quelle che erano le consuetudini vigenti. In un ristretto arco di tempo, una cinquantina d’anni, si assistette al passaggio dagli usi non scritti e da una legislazione occasionale ad una loro codificazione vera e propria. La 15 Sulla genesi del diritto veneziano, cfr. G. Zordan, op. cit., pp. 169-174. Sull’influsso germanico è interessante quanto segnala l’autore a p. 175 “esse [le leggi] non rispondono affatto al rigido concetto romano per cui la legge treva forza obbligatoria da se stessa o dallo ius maiestatis di chi la poneva, ma ... piuttosto si possono avvicinare in qualche modo ai pacta germanici (espressioni di una concezione pattizia del diritto)”. I testi legislativi veneziani traevano forza non tanto dalle loro disposizioni precettive, la cui mancata osservanza avrebbe portato ad incorrere nelle prescritte sanzioni, quanto nella “promessa, corroborata da stipulazione penale e giuramento della parte cui incombeva l’osservarla”. cfr. Enrico Besta Il diritto e le leggi civili di Venezia fino al dogado di Enrico Dandolo in Ateneo Veneto XX, 1897, pp. 291 e ss. 16 G. Zordan, op. cit., p.181. 17 La prima unificazione ed elaborazione scritta delle antiche norme penali veneziane venne effettuata con la promissio maleficiorum, doge Orio Mastropiero, nel marzo 1181. Le già ricordate promissioni ducali invece si configureranno come il corpo delle norme costituzionali: la prima, del doge Enrico Dandolo, risale al 1192.
Anteprima della tesi: L'amministrazione della giustizia alla caduta della Repubblica di Venezia. Problematiche in una fase di transizione (1797-1806), Pagina 5

Preview dalla tesi:

L'amministrazione della giustizia alla caduta della Repubblica di Venezia. Problematiche in una fase di transizione (1797-1806)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Lorena Dei Rossi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Giovanni Vittorio Signorotto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 149

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diritto veneto
dominazione austriaca
magistratura veneziana
ordinamento giudiziario veneziano
quarantia
repubblica di venezia
storia d'italia
storia moderna
girolamo rubelli
ottaviano maria zorzi
storia degli antichi stati italiani

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi