Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Metodologie di misurazione ''a punteggio'' per la valutazione del capitale intellettuale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

supporto per il processo di condivisione della conoscenza attraverso la misurazione dell’intellectual capital. I valori individuati dal sistema di misurazione dei beni intangibili non riescono a rappresentare, da soli, l’effettiva dimensione del capitale intellettuale. Le cifre, infatti, sono importanti ma perdono di valore se non lette alla luce dell’analisi della strategia e della vision aziendale. La direzione capitale intellettuale, infatti, sceglie, in collaborazione con la direzione di ogni azienda che si vuole monitorare, gli indicatori più significativi tra i possibili in modo tale da adattarsi alle singole caratteristiche delle diverse unità di business. Per capire come è strutturato il modello dello Skandia Navigator, sono riportati gli alcuni esempi pubblicati dalla stessa società. CAPITOLO QUINTO L’ultimo capitolo analizza l’Intangible Asset Monitor, metodo a punteggio per la valutazione del capitale intellettuale il cui fondamento sono gli individui, considerati gli unici generatori di profitto all’interno dell’organizzazione. Il metodo prevede una suddivisione delle risorse intangibili in tre categorie: “struttura interna”, “struttura esterna” e “ competenze individuali”. Tale impostazione richiama le dimensioni del capitale intellettuale quali il capitale strutturale, relazionale e umano. All’interno di ciascuna prospettiva, quindi, sono previste tre classi di indicatori, quelli di crescita/sviluppo, di stabilità e di efficienza. Alcune aziende hanno realizzato il modello proposto da Sveiby per la valorizzazione e il monitoraggio del proprio capitale intellettuale Ne è un esempio Celemi, una società svedese specializzata nella realizzazione e nella vendita di strumenti formativi. Dal 1995 la società misura il capitale intellettuale utilizzando l’Intangible asset monitor. Nel capitolo verranno analizzate le diverse pubblicazioni fino al 2000.

Anteprima della Tesi di Mauro Galimberti

Anteprima della tesi: Metodologie di misurazione ''a punteggio'' per la valutazione del capitale intellettuale, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Mauro Galimberti Contatta »

Composta da 270 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3855 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 40 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.