Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Internet senza fili

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 codice numerico binario ad ogni differente colore, e quindi ad ogni celletta si ha una mappa numerica dell’immagine, che può essere letta e riprodotta da qualsiasi supporto digitale visuale. Per i suoni il procedimento si basa sul concetto di “segmentazione”: il computer memorizza il valore numerico dell'onda sonora a intervalli di tempo regolari. In un personal computer moderno la digitalizzazione avviene 44.000 volte al secondo, quindi il calcolatore deve memorizzare 44.000 numeri per ogni singolo secondo di suono. Poiché ogni singola digitalizzazione occupa uno spazio di due byte, questo significa che un secondo di musica, o parlato, ad alta fedeltà, finisce per occupare 88.000 byte di memoria, ovvero 88 Kb. I calcolatori moderni possono ridurre la fedeltà di un suono, dimezzando o riducendo ad un quarto il numero di campioni digitali per secondo. 1.5. Dall’era analogica all’era digitale Nella storia dell’umanità i cambiamenti dovuti all’introduzione di nuove tecnologie sono sempre stati causa di sconvolgimenti sociali. La digitalizzazione dell’informazione ci ha condotto ad una situazione simile a quella dell’epoca di Gutenberg o dell’introduzione dell’elettricità nelle città, con la differenza che la velocità del cambiamento è ancora più accentuata. Con l’invenzione della stampa a caratteri mobili si è aperta per la cultura occidentale una nuova fase di sviluppo: la cultura è diventata lentamente patrimonio accessibile ad una percentuale di popolazione sempre maggiore, libera dalle costrizioni precedenti, dalle gabbie della scrittura dei monaci amanuensi e pronta ad una circolazione incontrollata. La libertà data dalle nuove tecnologie è la stessa libertà che ha sperimentato la città con l’introduzione della luce elettrica: nuovi spazi si sono aperti, diventando vivibili e accessibili, e le limitazioni date dal giorno e dalla notte, dalla luce e dal buio sono svanite. La digitalizzazione dell’informazione ci mette di fronte a cambiamenti simili a quelli del passato: libertà di essere raggiungibili in qualsiasi luogo, di poter avere a disposizione su un’unica apparecchiatura tutto ciò che rappresenta la cultura umana, di poter accedere a qualsiasi notizia in maniera indipendente. Le reti telematiche sono diventate l’infrastruttura fondamentale della società avanzata; importanti aspetti della vita economica, politica e culturale si basano sulle comunicazioni digitali; le aspettative di crescita economica, e dunque di occupazione e di benessere collettivo per i prossimi anni sono riposte nello sviluppo dell’industria delle telecomunicazioni e dell’informazione. Persino la comunicazione individuale, i rapporti interpersonali, passano e passeranno sempre di più attraverso le reti e tutto questo grazie ad una serie ordinata di 1 e di 0.

Anteprima della Tesi di Maria Letizia De Luca

Anteprima della tesi: Internet senza fili, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Maria Letizia De Luca Contatta »

Composta da 144 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2344 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.