Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La valutazione delle aziende: una rassegna dei principali criteri

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

La valutazione delle aziende: una rassegna dei principali criteri **** • Valore del capitale economico; • Valore potenziale del capitale; • Prezzi probabili. Il capitale economico � una nozione storicamente sviluppata dalle principali scuole economico-aziendali dell�Europa continentale, in particolare da quella tedesca ed italiana. 3 Introdotto per rendere evidente la non idoneit� del capitale contabile (o capitale di bilancio) a misurare il valore di un�azienda, in seguito ha assunto il ruolo di fulcro degli studi sul problema valutativo. Negli ultimi anni, per�, la sua centralit� ha subito un lieve ridimensionamento. Prima era considerato la misura prevalente se non esclusiva del valore di un�azienda, oggi, invece, non � pi� la sola nozione accettata. Secondo il punto di vista tradizionale, il capitale economico � concepito come un valore teorico di riferimento, espressivo dell�attitudine del patrimonio aziendale 4 a produrre redditi in futuro e, quindi, di una valutazione: • Generale; • Razionale; • Dimostrabile e possibilmente obiettiva; • Stabile. La generalità indica l�attribuzione al complesso aziendale unitario e globalmente considerato di un valore ritenuto congruo in normali condizioni di mercato, prescindendo dalle caratteristiche e dalle forze contrattuali delle parti di una negoziazione (di cessione, fusione, ecc.) e dai loro rispettivi interessi. La razionalità enfatizza la necessit� che la valutazione sia frutto di un processo logico, chiaro e condivisibile nel quale gli inevitabili elementi arbitrari immessi siano in ogni caso espressione di una soggettivit� �razionale�, ossia fondata su ipotesi ragionevoli e su comportamenti deontologicamente corretti. La dimostrabilità si ricollega alle esigenze di attendibilit� ed obiettività che le quantit� usate nella stima devono soddisfare. Essa tende ad essere minima se si 3 Quella tedesca e quella italiana rappresentano le due pi� importanti scuole aziendalistiche dell�Europa continentale. 4 Azienda intesa nel suo significato giuridico di �complesso unitario di beni organizzati dall�imprenditore per l�esercizio dell�impresa� (art. 2555 del Codice Civile).

Anteprima della Tesi di Damiano Santarato

Anteprima della tesi: La valutazione delle aziende: una rassegna dei principali criteri, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Damiano Santarato Contatta »

Composta da 106 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8086 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 40 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.