Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Apprendimento ludico e avviamento al gioco del calcio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 vincere ad ogni costo, allora al piacere del gioco si aggiunge il piacere di gareggiare. Il gioco è un’attività scelta liberamente. Questa caratteristica è magistralmente illustrata da Huizinga: “Ogni gioco è soprattutto un atto libero. Il gioco comandato non è un gioco. Tutt’al più può essere la riproduzione obbligata di un gioco” 8 . E’ vero che i bambini e gli animali giovani giocano perché il loro istinto lo comanda (il gioco serve allo sviluppo delle loro facoltà fisiche e selettive) ma in tal caso il gioco è libero perché essi ne provano diletto. Altra caratteristica del gioco è l’estraneità agli schemi della vita sociale; è l’”allontanarsi – è sempre Huizinga che parla – dalla vita “ordinaria” o “vera” per entrare in una sfera temporanea di attività con finalità tutta propria” e continua “già il bambino sa perfettamente di “fare solo per finta”, di “fare solo per scherzo” 9 . E ancora: “Tale coscienza di giocare “soltanto” non esclude affatto che questo “giocare soltanto” non possa avvenire con la massima serietà, anzi con un abbandono che si fa estasi ed elimina nel modo più completo, per la durata dell’azione, la qualifica “soltanto”” 10 . Questo si verifica soprattutto, come ha ben visto Huizinga, nel gioco infantile. Il bambino conferisce alla situazione ludica un grande valore emotivo per cui sperimenta la situazione ludica e la realtà come due situazioni parallele. Ancora Huizinga: “Il bambino può essere dominato da una emozione tale da raggiungere lo stato di credere – di – essere senza perdere completamente la coscienza della realtà consueta” 11 . Ancora: il gioco è un’attività regolata da norme convenzionali. 8 J. Huizinga: “Homo ludens”, traduzione di Corinna Von Schendel, Einaudi, Torino, 1973, pag. 10. 9 J. Huizinga: “Homo ludens”, traduzione di Corinna Von Schendel, Einaudi, Torino, 1973, pag. 11. 10 J. Huizinga: “Homo ludens”, traduzione di Corinna Von Schendel, Einaudi, Torino, 1973, pag. 12. 11 J. Huizinga: “Homo ludens”, traduzione di Corinna Von Schendel, Einaudi, Torino, 1973, pag. 18.

Anteprima della Tesi di Michele Sorrenti

Anteprima della tesi: Apprendimento ludico e avviamento al gioco del calcio, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Motorie

Autore: Michele Sorrenti Contatta »

Composta da 95 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9077 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.