Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Apprendimento ludico e avviamento al gioco del calcio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 “L’uomo gioca solo quando è uomo nel pieno significato della parola ed “è” interamente uomo solo quando gioca” ben dice il grande pedagogista Friedrich Schiller nelle “Lettere sull’educazione estetica” (1795). In questa forma di attività umana, che per il fanciullo è la prima e l’essenziale e si manifesta in ogni sua azione ed in ogni suo pensiero, si esercitano liberamente le sue energie sia fisiche che psichiche e si manifesta la sua creatività. E intanto egli si libera dalla sfera dell’istintività e costruisce a tentoni, si può dire, la sua personalità. Ed è da questo suo inconsapevole lavorio di estrinsecazione della creatività e della personalità che deriva la soddisfazione piena e la gioia che egli prova giocando. E’ quindi perfettamente spiegabile che da quando è comparso sulla terra l’uomo ha giocato. Appena si è fatto sentire il bisogno di porsi domande sull’origine e sul significato della vita, col primo sviluppo della filosofia, il gioco è divenuto oggetto di interesse da parte dei filosofi. Già Platone lo identifica con il sacro ed esorta i suoi contemporanei a “vivere giocando” 15 “per rendere propizi gli dei” 16 e Aristotele lo paragona alla felicità ed alla virtù perché, come queste non ha altro scopo che se stesso. Tutta la pedagogia antica inoltre lo considera una scuola di equilibrio delle energie dell’uomo e la pedagogia moderna lo riconosce indispensabile alla vita infantile perché lo sviluppo della personalità avvenga in maniera equilibrata. Ma è stato soprattutto nel diciannovesimo e nel ventesimo secolo che tutte le scienze moderne, dall’antropologia alla sociologia, alla storiografia si sono interessate particolarmente al problema per analizzare la natura e le funzioni del gioco. 15 J. Huizinga: “Homo ludens”, traduzione di Corinna Von Schendel, Einaudi, Torino, 1973, pag. 24. 16 J. Huizinga: “Homo ludens”, traduzione di Corinna Von Schendel, Einaudi, Torino, 1973, pag. 24.

Anteprima della Tesi di Michele Sorrenti

Anteprima della tesi: Apprendimento ludico e avviamento al gioco del calcio, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Motorie

Autore: Michele Sorrenti Contatta »

Composta da 95 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9077 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.