Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Essere del linguaggio e scomparsa del soggetto. Il linguaggio letterario in Michel Foucault

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Essere del linguaggio e scomparsa del soggetto 5 Queste non sono che alcune delle questioni che affiorano con forza e, possiamo dirlo, con una originalit� non certo incrinata dai continui rimandi, espliciti ed impliciti, a Nietzsche, Bataille, Blanchot, Klossowski, dalle pagine foucaultiane sulla letteratura. Innumerevoli altre se ne possono individuare (e ad alcune di queste si accenner� nelle pagine che seguono), all'interno delle prime o con esse correlate. Ci� che interessa, ad ogni modo, non sono i singoli temi ma la loro articolazione reciproca: articolazione complessa e non sempre esplicita, a volte apparentemente contraddittoria. Sar� allora il modo in cui questi diversi aspetti della riflessione di Foucault sul linguaggio letterario interagiscono, che costituir�, per quanto possibile, l'oggetto di questo lavoro. Questo non vuol dire in alcun modo, beninteso, cercare di organizzare il discorso di Foucault in una teoria complessiva del linguaggio letterario: tentativo che, oltre a peccare di presunzione, si scontrerebbe con la stessa configurazione volutamente dispersa di quanto Foucault ha detto sull'argomento. A questo proposito non possiamo dimenticare l'avversione di Foucault per le teorie globali. Non che queste teorie globali non abbiano fornito e non forniscano ancora in modo abbastanza costante degli strumenti utilizzabili localmente: il marxismo e la psicanalisi stanno l� a provarlo. Ma credo ch'esse non abbiano fornito questi strumenti se non alla condizione appunto che l'unit� teorica del discorso fosse come sospesa, o comunque ritagliata, fatta a pezzi, rovesciata (...). 6 L'intero lavoro di genealogista di Foucault rifugge programmaticamente dalla ricerca delle continuit� storiche, rivolgendosi al contrario alle rotture e agli eventi dispersi; la sua riflessione filosofica ha avuto come riferimento costante l'opera gigantesca ma frammentaria di Nietzsche; la stessa concezione foucaultiana del potere � quanto pu� esserci di pi� distante da quella, monolitica, che prima di lui era comunemente accettata. Non potremmo dunque in alcun modo provare a ricondurre a forza le sue parole ad uno schema unitario: pi� utile ricercarne le risonanze reciproche ed i rimandi esterni.

Anteprima della Tesi di Leonardo Meo

Anteprima della tesi: Essere del linguaggio e scomparsa del soggetto. Il linguaggio letterario in Michel Foucault, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Magistero

Autore: Leonardo Meo Contatta »

Composta da 100 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5799 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.