Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Abbattimento degli odori nelle cucine industriali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1 INTRODUZIONE I fumi provenienti dalle cucine, inserite nel territorio urbano, rappresentano un problema per i residenti nella zona adiacente allo scarico dei vapori. Frequenti sono le denuncie sulla stampa o alla pubblica autorit� a causa dei fastidi causati dalle emissioni dei fumi e degli odori di cottura. Tale problema assume notevole rilevanza nelle grandi metropoli: prendiamo come riferimento la citt� di Hong Kong dove vi sono pi� di 9000 ristoranti. Negli ultimi anni, anche a causa dell�aumento dello standard qualitativo della vita, le proteste sono cresciute in maniera apprezzabile. Generalmente parlando, tali fumi non costituiscono necessariamente causa di lamentele fintanto che si mantengono sotto la soglia olfattiva, anche se una volta superata, si generano continui e ripetuti reclami, che aumentano pi� ci si avvicina alla fonte. Dalle statistiche delle autorit� della citt� di Hong Kong, il numero di denunce contro i fumi e gli odori emessi da ristoranti � aumentato dai 378 casi del 1995 fino a giungere a 1501 nel 2000. (figura 1) [1]. Segnalazioni alle autorit� di fastidi provocati dai fumi di cucina nella citt� di Hong Kong 0 200 400 600 800 1000 1200 1400 1600 1998 1999 2000 2001 2002 anno Figura 1

Anteprima della Tesi di Stefano Turchet

Anteprima della tesi: Abbattimento degli odori nelle cucine industriali, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Stefano Turchet Contatta »

Composta da 227 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7745 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 41 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.