Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il lavoro sociale di strada tra devianze e forme di controllo: il ruolo dell'educatore

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

VIII La strada diventa il luogo dell�incontro e dell�intervento. Un lavoro, dunque, sulla strada, per trasformarla da luogo che produce disagio a spazio dove incontrare i pi� disagiati, con le loro difficolt�, ma soprattutto con le loro risorse, con le loro debolezze ma anche con la capacit�, magari ancora implicita, di diventare artefici del proprio benessere. Il tema del lavoro di strada � stato scandagliato in questi ultimi anni, sia pure da un limitato numero di attenti operatori sociali, con notevole attenzione: ad esso sono stati dedicati seminari, ricerche, articoli, esperienze sul campo. Mi � sembrato essenziale mettere a confronto alcune delle tante esperienze che sono state effettuate nel nostro Paese: emergono cos� un insieme di problemi e di interrogativi, il cui esame � fondamentale, per portare avanti un�iniziativa che cerca di instaurare un dialogo proficuo, con chi difficilmente entrer� spontaneamente nei circuiti istituzionali ordinari, ed ha invece un estremo bisogno d�aiuto per chiarirsi il senso della propria esperienza di vita. La riflessione sui temi in questione, ha preso corpo utilizzando un approccio sia di tipo sociologico sia di tipo pedagogico, muovendo dalla convinzione che, un�analisi accurata del lavoro sociale di strada debba necessariamente avvalersi di entrambe i contributi. Nel Capitolo 1, vengono individuate quali sono state le profonde trasformazioni culturali, sociali e morali che hanno caratterizzato la nostra societ� negli ultimi decenni, al fine di poter comprendere correttamente i termini di �disagio�, �emarginazione�, �disadattamento�. Dei termini menzionati, spesso si � dimenticato il loro contenuto originario o la loro storia e si tende ad utilizzarli come sinonimi intercambiabili, si � cercato quindi, di analizzarli attraverso il filone di studi sociologici che fanno riferimento alla devianza ed al controllo sociale. Si delinea dunque, il processo di �normalizzazione�, che ha portato il concetto di devianza alla sua dissolvenza teorica ed alla nascita di una nuova categoria, quella del disagio. Nel Capitolo 2, vengono elaborate le diverse forme di controllo sociale messe in atto verso coloro i quali si trovano in condizione di disagio esistenziale, ripercorrendo le diverse interpretazioni sociologiche date appunto dall�espressione �controllo sociale�, la quale ancora oggi rimane ancora poco chiarita nella sua consistenza concettuale.

Anteprima della Tesi di Daniela Masucci

Anteprima della tesi: Il lavoro sociale di strada tra devianze e forme di controllo: il ruolo dell'educatore, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Daniela Masucci Contatta »

Composta da 258 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10129 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.