Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il lavoro sociale di strada tra devianze e forme di controllo: il ruolo dell'educatore

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

X negativi. La strada diventa il momento dell�incontro, uno spazio dove si possa esprimere la propria voglia di protagonismo. L�operatore che lavora in questa prospettiva di fatto, lavora in una situazione del tutto destrutturata, � necessario, affinch� il suo intervento sia puntuale e incisivo, che egli ristrutturi la sua figura professionale. Nel Capitolo 4, vengono analiticamente trattate diverse esperienze nazionali di lavoro di strada. La realt� italiana presenta esperienze interessanti, non molto conosciute, che permettono di comprendere l�estrema eterogeneit� dei contenuti dei progetti e interventi in essere, nonch� della tipologia di soggetti coinvolti (comuni, associazioni, cooperative, altri enti pubblici) e delle strutturazioni organizzative adottate. Per poter comprendere come si struttura un �intervento di strada�, ho preso in esame alcuni progetti di diverse citt� italiane, distinguendo questi ultimi in base al target ai quali si riferivano in modo tale da poter evidenziare la versatilit� del lavoro di strada e in particolare, in ognuno di questi, la specificit� del ruolo dell�educatore; per analizzarli mi sono avvalsa dell�aiuto di un questionario informativo da somministrare ai coordinatori, responsabili, operatori, dei diversi progetti. Si va, dal lavoro con le prostitute di Milano curato dalla Lila, al lavoro con i tossicodipendenti curato da un��quipe dell�ASL 4 della citt� di Torino; al Binario 1 della Stazione Termini di Roma incontrando gli �invisibili�, i senza fissa dimora della capitale, con un lavoro promosso dal Comune di Roma; al modello di �welfare municipale� del Comune di Napoli attuato con il Programma Quadro Rete Emergenza Sociale ed i Laboratori di Educativa Territoriale; fino ad arrivare al lavoro di prevenzione verso l�abuso di sostanze tossiche, rivolto ai preadolescenti ed adolescenti della provincia di Cremona. � apparsa cruciale, alla luce delle esperienze analizzate, la questione inerente la natura educativa del lavoro di strada. Nel lavoro, si � assunto il disagio come un �vissuto�, e la devianza come un comportamento esplicito, con queste premesse, a mio avviso, diventa possibile uscire dalle secche della teoria e pensare ad un intervento educativo verso il disagio. In questo passaggio sta la maturazione della attuale cultura educativa.

Anteprima della Tesi di Daniela Masucci

Anteprima della tesi: Il lavoro sociale di strada tra devianze e forme di controllo: il ruolo dell'educatore, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Daniela Masucci Contatta »

Composta da 258 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10130 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.