Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le Information & Communication Technology come risposta alle attuali esigenze aziendali: da Intranet a Corporate Portal. I casi WebWorking e Webegg

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO I: LO SCENARIO DI RIFERIMENTO 1.1 Lo scenario di riferimento della comunicazione interna propongono di razionalizzare i processi produttivi e le organizzazioni stesse. Secondo questo approccio l’organizzazione deve essere modellata come una macchina efficiente, le cui parti devono essere pianificate, mandate a regime, coordinate e controllate. La metafora della macchina può essere usata per comprendere e per progettare le organizzazioni con successo in presenza di ambienti stabili, di compiti chiari e ripetitivi, di una realtà sociale non conflittuale. Gli evidenti limiti di questo approccio possono soprattutto essere ricondotti alla rigidità ed alla poco disponibilità al cambiamento di questo tipo di organizzazioni. Inoltre le comunicazioni fra le parti dell’organizzazione sono inadeguate e ciascuno tende a focalizzarsi sulla sua prospettiva parziale; propendono a suscitare scarsa responsabilizzazione e poca motivazione al lavoro, limitano la potenziale crescita professionale delle persone. La comunicazione in questo contesto non può che essere di portata limitata; Invernizzi sostiene che “secondo l’approccio della Scuola Classica la comunicazione è essenzialmente uno strumento per diffondere gli ordini, coordinare il lavoro e ottenere l’esecuzione dei compiti da parte dei lavoratori. E’ quindi uno strumento di comunicazione funzionale per il controllo, quindi per i processi gestionali, ma è anche per i processi produttivi. L’obiettivo principale è quello di trasferire la corretta informazione attraverso il canale più appropriato, che solitamente è rappresentato da strumenti di comunicazione scritta come l’ordine di servizio, la circolare e l’affissione in bacheca”. 2 In alcuni casi più avanzati, vengono impiegati dei giornali interni che vantano i meriti dell’azienda e dell’imprenditore o che informano sulle attività ricreative organizzate per i dipendenti. La comunicazione privilegia le vie verticali, dall’alto verso il basso per trasmettere indicazioni e prescrizioni, dal basso verso l’alto per raccogliere le informazioni necessarie al controllo e alla pianificazione delle attività. La componente distintiva della comunicazione secondo questo filone è quella di comunicare per controllare: sia controllo a priori esercitato tramite le istruzioni impartite, sia a posteriori, per verificare la conformità dell’esecuzione del lavoro rispetto alle prescrizioni. 2 Invernizzi E., La comunicazione organizzativa: teorie, modelli e metodi, Giuffrè Editore, Milano 2000

Anteprima della Tesi di Claudia Maria Visca

Anteprima della tesi: Le Information & Communication Technology come risposta alle attuali esigenze aziendali: da Intranet a Corporate Portal. I casi WebWorking e Webegg, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Claudia Maria Visca Contatta »

Composta da 215 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2822 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.