Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il museo postmoderno tra filosofia e pratica culturale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 1.1. Rosalind Krauss: la logica culturale del museo tardo capitalista Ideale continuazione delle riflessioni di Bois 10 è il saggio The Cultural Logic of the Late Capitalist Museum (1990) di Rosalind Krauss. Il titolo del testo rivela il debito dell’autrice nei confronti della teoria di Jameson 11 sul postmodernismo, inteso come la logica del tardo capitalismo, in una prospettiva trasferita all’ambito del museo in base al principio della pervasività del mercato anche nella sfera culturale. Di fronte all’alternativa tra una concezione storica e una concezione stilistica del fenomeno postmoderno, Jameson privilegia la prima perché gli consente un approccio “critico” e dialettico, guidato dalla lezione marxiana di intendere lo sviluppo e i cambiamenti storici. Il tardo capitalismo è il terzo momento - preceduto dal “capitalismo di mercato” e dal monopolio o imperialismo del modernismo - della periodizzazione tracciata da Mandel, caratterizzato, secondo Jameson, dall’espansione del capitale in quelle aree che, prima di allora, erano al di fuori del circuito della mercificazione. Come ha osservato Gaetano Chiurazzi, la sfera culturale, “che nell’analisi marxista classica era una sfera relativamente autonoma, punto archimedeo da cui condurre un discorso critico sul mondo capitalistico borghese, viene disautonomizzata, riassorbita nella sfera totalizzante del capitale e del mercato” 12 ; paradossalmente tutto diventa “culturale” e viene ricondotto sotto il segno dell’immagine. Krauss contestualizza e declina questa teoria nell’ambito del museo, sia considerando gli effetti della mercificazione sulla costituzione della soggettività dei fruitori del museo, sia individuando nel Minimalismo un momento specifico di passaggio allo spazialità museale postmoderna, in parallelo all’analisi di Jameson dell’architettura postmoderna di Portman. Considerare l’opera come un bene commerciale prima ancora che culturale, verificare la capacità di pressione del mercato dell’arte sul museo e la sfida posta dai 10 L’originale è stato pubblicato in “Les Cahiers du Musée National d’Art Moderne”, Autunno 1989, n. 29, pp. 57-79; la prima pubblicazione del saggio di Krauss è dell’anno successivo: in “October”, n. 54 , 1990, pp. 3-17 11 Krauss precisa che il riferimento è a Postmodernism, or the Cultural Logic if the Late Capitalism, in “New Left Review”, n. 146, luglio-agosto 1984, pp. 53-93. Il volume di Jameson, che porta il medesimo titolo, sarà pubblicato successivamente nel 1993 12 G. Chiurazzi, Il postmoderno. Il pensiero nella società della comunicazione, Paravia, Torino, 1999, p. 24

Anteprima della Tesi di Elisa Pasini

Anteprima della tesi: Il museo postmoderno tra filosofia e pratica culturale, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Elisa Pasini Contatta »

Composta da 192 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9088 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.