Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Scrittori a Hollywood. Francis Scott Fitzgerald e l'industria cinematografica americana

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Scrittori a Hollywood. Francis Scott Fitzgerald e l’industria cinematografica americana. 11 Fin da quel momento discorso letterario e discorso cinematico appaiono �contaminati� 1413 . Quel che accade a Hollywood negli anni �30, agli scrittori americani, � comunque qualcosa di diverso, sicuramente di pi� profondo, dal momento che implica un coinvolgimento, oltre che strettamente artistico- letterario, anche personale ed intellettuale. Ai tempi del muto, il cinema aveva gi� beneficiato dell�opera degli �scenario writers’, vale a dire scrittori che si occupavano delle didascalie dei film muti. Ma con la nascita del parlato, si profila la necessit� di un testo totalmente scritto, un copione sempre pi� dettagliato nei dialoghi e persino nelle indicazioni di ripresa e montaggio. Si delinea chiaramente, in questo momento storico, la differenza tra il tradizionale scrittore per il cinema e lo sceneggiatore. Questa nuova figura professionale, dotata di un proprio statuto, come sottolinea Giovanna Muscio, �� un prodotto degli anni Trenta, nata col cinema sonoro, e quindi con la necessit� di disporre di uno scrittore specializzato contemporaneamente in dialoghi e storie per lo schermo, e con la divisione del lavoro richiesta dalla graduale trasformazione del cinema da una fase artigianale a quella industriale. Lo sceneggiatore � colui che prepara il testo scritto destinato a trasformarsi in film� 15 . D�altro canto, alla base dell�interesse che il cinema dimostra per gli scrittori professionisti, non ci sono esclusivamente ragioni di carattere tecnico: un film che possa annoverare nei titoli di coda nomi di scrittori di fama e gi� noti al grande pubblico, � un prodotto che �si vende� meglio, dal momento che soddisfa le aspettative pi� esigenti delle platee e s�inquadra meglio nel tortuoso meccanismo dello star system creato da Hollywood. Richard Fine parla degli scrittori che negli anni �30 approdano nei grandi studios, come di Eastern writers (scrittori provenienti dall�Est): l�easterness sta a sottolineare la loro condizione di alterit�, non solo geografica, rispetto a Hollywood. Prima di tutto, si tratta di �professional writers in the sense that 14 Paola Zaccaria. �Introduzione� a Close Up 1927-1933. Antologia della prima rivista internazionale di cinema, a cura di Paola Zaccaria, in corso di pubblicazione, per Lindau, Torino, settembre 2002. 15 Giovanna Muscio. Scrivere il film. Sceneggiatura e sceneggiatori nella storia del cinema. Roma, Dino Audino Editore, 1991, pag. 13.

Anteprima della Tesi di Cinzia Suglia

Anteprima della tesi: Scrittori a Hollywood. Francis Scott Fitzgerald e l'industria cinematografica americana, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Cinzia Suglia Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4987 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.