Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Arte in Rete: il sito rhizome.org

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

IL PROBLEMA DELLA DEFINIZIONE DEI TERMINI 1 ~ Carolo Alessio ~ CAPITOLO 1.1: IL PROBLEMA DELLA DEFINIZIONE DEI TERMINI La definizione del termine “new media art” deve essere necessariamente preceduta da una sintetica precisazione del vocabolo “new media”, sebbene esso abbia avuto una risonanza mondiale tanto estesa da renderlo noto a tutti; probabilmente è proprio il successo del composto “new media” che ha portato ad un uso a volte troppo ampio della parola, rendendola semanticamente insignificante se non definita caso per caso. Ricorriamo a un testo fondamentale, scritto da uno dei più importanti critici dei nuovi media per definire con precisione il termine. L’autore è Lev Manovich ed il libro da lui redatto è intitolato “il linguaggio dei nuovi media 1 ”, un testo pubblicato dal MIT di Boston e considerato il primo studio sistematico dei nuovi mezzi di comunicazione di massa, saggio definito indispensabile dai programmatori di computer come dai web designers, da critici d’arte come da artisti e semplici appassionati del mondo digitale. Il primo elemento caratteristico dei nuovi media riguarda la loro natura digitale: essi sono sostanzialmente successioni di 0 ed 1 e, per tale caratteristica che accomuna fotografie digitali come suoni campionati, testi e, in un futuro sempre più vicino, odori, sono tutti esplorabili attraverso il computer. Seconda caratteristica propria dei nuovi media è la modularità, intesa come indipendenza dei singoli elementi mediali dalla struttura generale che solo li raccoglie e connette tra di loro: l’intero world wide web è una struttura modulare all’interno della quale le singole parti (testi, fotografie, filmati video o tracce audio) possono essere modificate o addirittura cancellate senza che la macro struttura ne risenta. Conseguenza della codifica numerica e della modularità degli elementi mediali è il carattere chiave della variabilità: nel campo della new art ed in particolar modo dei progetti d’artista nati per il web, la possibilità insita nell’oggetto digitale di variare nel tempo, automaticamente o attraverso l’azione degli 1 Lev Manovich, Il linguaggio dei nuovi media, Milano, ed. Olivares, 2002.

Anteprima della Tesi di Alessio Carolo

Anteprima della tesi: Arte in Rete: il sito rhizome.org, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alessio Carolo Contatta »

Composta da 239 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2256 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.