Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il teatro di Annibale Ruccello: mass media come nuovi attori

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

19 A metà degli anni Ottanta una nuova corrente di autori e registi si presenta sotto il nome di Nuova Drammaturgia, ed indirizza la sua scelta verso un teatro di narrazione e di parola, in contrapposizione ad un’altra corrente sperimentale, la Nuova Spettacolarità, che aveva intrapreso invece la strada del teatro d’azione e dei suoni. Questi giovani autori della Nuova Drammaturgia, fra i quali ci fu anche Annibale Ruccello, riallacciarono un importante rapporto con i grandi drammaturghi napoletani del passato, riproponendone l’impianto drammaturgico convenzionale (costruzione della trama e dell’intreccio, spessore psicologico del personaggio, ripartizioni in atti, tempi o quadri), ma negando allo stesso tempo tale convenzione “nell’offerta di vicende assolutamente degenerate nel contenuto e nel linguaggio, prive di qualsiasi messaggio o morale, che agiscono in un grande vuoto pneumatico di regole o norme”. 28 I nuovi autori si ricollegano alla tradizione […] ma secondo una linea di tradimento e trasgressione, che restituisce il degrado e il dolore, il senso collettivo della perdita del sogno, l’angoscia che sottintende al quotidiano della città. 29 Punti di contatto tra i nuovi autori e la drammaturgia “storica”, sono sicuramente il rapporto stretto con la metropoli e la passione per le storie di personaggi un po’ perduti, non solo in senso sociale ma anche psicologico. Il terremoto fu per la popolazione napoletana una tragedia che modificò le dimensioni spazio temporali dell’individuo e quindi della collettività; crollando le mura delle abitazioni, lo spazio privato si rivelava in tutta la sua crudezza e violenza, mostrando ciò che prima era nascosto. 28 Luciana Libero, Dopo Eduardo, cit, p.12. 29 Stefano De Matteis, Lo specchio della vita, cit.

Anteprima della Tesi di Manuela D'angelo

Anteprima della tesi: Il teatro di Annibale Ruccello: mass media come nuovi attori, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Manuela D'angelo Contatta »

Composta da 177 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5530 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.