Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progettazione, implementazione e sperimentazione di un ambiente per la video summarization

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CICLO DI SVILUPPO DI UN SISTEMA DI VIDEO SUMMARIZATION 11 ()zkkkNHi N Hike je jk kN eYUVjk kN ,{,..,}()() ,, −−=− =− − ==− − ∑∑∑1 1 11 Se il valore della discontinuità (2) supera la soglia T, la frame corrente k è considerata la nuova key-frame F last , cioè: ( )ifzkkkNTFk last,{,..,}−−>⇒=1 Un possibile problema con i due metodi di estrazione precedenti è che la prima frame di uno shot è sempre scelta come key-frame, come pure quelle frame che si trovano in segmenti con un contenuto visivo variabile. Come discusso in [28], scegliendo una frame posta all'inizio o alla fine di uno shot, è probabile che quella frame sia parte di un effetto di dissolvenza ai limiti dello shot, e ciò riduce fortemente la sua qualità rappresentativa. Lo stesso può essere detto per strutture che appartengono a segmenti di shot in cui vi siano movimenti della videocamera o oggetti zoomati. Una soluzione a questo problema può essere trovata in [26], dove prima si rappresenta una sequenza video come una curva in uno spazio high-dimensional e poi si semplifica la curva utilizzando l'algoritmo multidimensional curve splitting. Il risultato è, fondamentalmente, una curva linearizzata, caratterizzata da punti "significativi" collegati da rette. Un insieme di key- frame di una sequenza è ottenuto infine raggruppando frames trovate nei punti significativi. Con una condizione di splitting che controlla la dimensionalità del segmento, la curva può essere semplificata ricorsivamente a vari livelli di dettaglio, cioè con varie densità dei punti significativi. Il livello di dettaglio finale dipende dalla soglia specificata, che valuta la distanza (2) (3)

Anteprima della Tesi di Salvatore D'onofrio

Anteprima della tesi: Progettazione, implementazione e sperimentazione di un ambiente per la video summarization, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Salvatore D'onofrio Contatta »

Composta da 91 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 738 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.