Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Crisi dell'impresa bancaria e autonomia della società

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1. Natura delle crisi bancarie e interventi di vigilanza. dell’Autorità giudiziaria nel caso di un’impresa di diritto comune, ed interviene già nella fase prodromica della crisi, attraverso una molteplicità di strumenti preventivi del tutto sconosciuti al diritto comune fallimentare. 8 1.2. Le determinanti delle crisi bancarie. La crisi di un’impresa bancaria può essere determinata da più fattori, interni o esterni all’attività della banca. Le cause naturalmente non si verificano in genere singolarmente, ma la crisi deriva da una molteplicità di determinanti che operano congiuntamente o si susseguono in un lasso di tempo assai breve. I fattori interni, i cosiddetti rischi endogeni, possono essere di natura strategica o gestionale. I primi concernono scelte di fondo di lungo periodo degli amministratori riguardo agli indirizzi da imprimere alla banca: gli effetti negativi di scelte erronee possono manifestarsi anche parecchio tempo dopo le decisioni prese. I rischi gestionali, essendo tipicamente connessi alla gestione ordinaria, hanno implicazioni negative sull’impresa già nel breve termine. I rischi strategici derivano da una parte dalle scelte di investimento, e dall’altra dalle decisioni sulla struttura del passivo. Scelte di investimento rischiose possono essere legate alle modalità di espansione dell’impresa bancaria, in particolare quando tale espansione è attuata attraverso l’acquisizione o l’incorporazione di altre società bancarie o parabancarie. Può accadere infatti che il valore e la qualità delle attività delle imprese incorporate sia valutato erroneamente e sovrastimato. Per quanto riguarda le crisi bancarie conseguenti ad errori strategici sulla struttura del passivo, la causa principale è costituita dall’eccessivo indebitamento della banca, qualora ad esso non corrisponda una adeguata redditività degli investimenti. 8 Cfr. sull’argomento anche COSTI, L’ordinamento bancario, op. cit., pp. 641-644; TARANTOLA RONCHI, La vigilanza sulle banche e sui gruppi bancari, Bologna, 1996, pp. 194-200.

Anteprima della Tesi di Alessandro Villari

Anteprima della tesi: Crisi dell'impresa bancaria e autonomia della società, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessandro Villari Contatta »

Composta da 130 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2935 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.