Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Crisi dell'impresa bancaria e autonomia della società

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Alessandro Villari – Crisi dell’impresa bancaria e autonomia della società. d) cambiamenti dell’alta direzione, sia per l’ingresso di nuovi azionisti che per la necessaria sostituzione del management coinvolto o responsabile della crisi. 11 1.3.2. Vigilanza regolamentare e moral suasion. Il Testo Unico delle leggi in materia bancaria e creditizia del 1993 ha attribuito alle Autorità molteplici strumenti di intervento, comportanti una ingerenza più o meno ampia nell’operatività della banca, con la possibilità di attivarli secondo criteri di discrezionalità e flessibilità, secondo le soluzioni concrete, gli obiettivi specifici da perseguire e l’ampiezza degli interessi in gioco. Gli interventi dell’Organo di vigilanza possono avere differenti funzioni: in una graduazione degli effetti di ingerenza nell’autonomia dell’impresa possono distinguersi una funzione conoscitiva, laddove sono volti all’acquisizione di ulteriori elementi informativi; una funzione preventiva, quando gli interventi sono tesi ad evitare che deterioramenti della situazione tecnica possano arrivare a tradursi in uno stato di problematicità; una funzione correttiva, quando sono finalizzati all’adozione di piani di risanamento atti a ricondurre la banca in una situazione di normalità. 12 Un primo gruppo di strumenti di natura preventiva è costituito dall’insieme dei provvedimenti previsti dalle prime tre lettere del terzo comma dell’art. 53 T.U., a norma del quale la Banca d’Italia può: a) convocare gli amministratori, i sindaci e i dirigenti delle banche per esaminare la situazione delle stesse; b) ordinare la convocazione degli organi collegiali delle banche, fissandone l’ordine del giorno, e proporre l’assunzione di determinate decisioni; c) procedere direttamente alla convocazione degli organi collegiali delle banche quando gli organi competenti non abbiano ottemperato a quanto previsto dalla lettera b). 11 Cfr. TARANTOLA RONCHI, La vigilanza sulle banche e sui gruppi bancari, op. cit., pp. 203-204. 12 Cfr. TARANTOLA RONCHI, La vigilanza sulle banche e sui gruppi bancari, op. cit., p. 192.

Anteprima della Tesi di Alessandro Villari

Anteprima della tesi: Crisi dell'impresa bancaria e autonomia della società, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessandro Villari Contatta »

Composta da 130 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2935 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.