Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi di bilancio in una società di telecomunicazioni: un caso operativo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 visibile. Entro determinati limiti, il comportamento del raggio luminoso non � influenzato da un�eventuale curvatura della fibra. Molto importante � evitare la presenza di microrotture, scorie o particelle di grasso sulla superficie esterna, in quanto queste discontinuit� possono alterare significativamente l�angolo limite e provocare la fuoriuscita di raggi dalla fibra, con inevitabili perdite di energia. Il trasferimento dell�energia luminosa attraverso la fibra si realizza in modo efficiente se la luce, propagandosi nel mezzo, vi rimane confinata e perch� ci� accada si deve avere un mezzo interno pi� denso circondato da uno esterno meno denso; inoltre si devono realizzare condizioni di lancio della luce nel mezzo pi� interno tali che questa non venga rifratta, ma subisca l�azione di sconfinamento in termini di riflessione all�interfaccia tra i due mezzi. Una fibra ottica � costituita da un sottile filo di materiale vetroso a base di silice; ci� viene permesso dalle propriet� intrinseche del vetro che, se stirato a dimensioni micrometriche, perde la sua caratteristica �fragilit�� e diventa un filo flessibile e robusto. Due ricercatori inglesi negli anni �50, O�Brien ed Hansen, proposero l�introduzione di un mantello, ossia di un ulteriore strato di vetro esterno come secondo mezzo al posto dell�aria: in questo modo si stabilisce il valore di N2, oltre a renderlo uniforme nel tempo e nello spazio. Per migliorare il confinamento della luce, le fibre ottiche sono strutturate accoppiando in modo coassiale, uno dentro l�altro, due conduttori con indice di rifrazione diverso. Questi sono costituiti da materiale vetroso, trasparente alla luce, ed hanno indici di rifrazione diversi, in modo che l�onda venga riflessa in un�interfaccia interna alla fibra stessa e non alla superficie, ove il campo evanescente, estendendosi nel materiale che la ricopre, tenderebbe a dissipare l�onda. Per rendere l�idea del livello di trasparenza che si pu� ottenere oggi facendo ricorso alle pi� moderne tecniche produttive e tecnologiche si pensi che se il mare ne possedesse le stesse propriet� ottiche, lascerebbe vedere il fondo dei suoi abissi pi�

Anteprima della Tesi di Clive Delzetti

Anteprima della tesi: Analisi di bilancio in una società di telecomunicazioni: un caso operativo, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Clive Delzetti Contatta »

Composta da 256 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12324 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 31 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.