Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La globalizzazione dei mercati e il lavoro minorile alla luce della normativa internazionale in materia di diritti dell'uomo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

I fondamenti giuridici che legittimano l’azione internazionale delle Nazioni Unite in questo senso, risiedono: - nel preambolo della Carta dell’ONU, dove si afferma l’impegno delle Nazioni Unite a favorire il progresso sociale, instaurare migliori condizioni di vita e ad impiegare strumenti internazionali per favorire il progresso economico e sociale di tutti i popoli; - nell’art. 13, par. 1, lett. b) (“l’Assemblea Generale emette raccomandazioni allo scopo di sviluppare la cooperazione internazionale nei campi economico e sociale”); - nell’art. 55 (“Al fine di creare le condizioni di stabilità e benessere che sono necessarie per avere rapporti pacifici […] fra le nazioni, basati sul rispetto del principio dell’uguaglianza dei diritti o dell’autodecisione dei popoli, le Nazioni Unite promuoveranno: un più elevato tenore di vita, il pieno impiego […] e condizioni di progresso e di sviluppo economico e sociale; la soluzione dei problemi internazionali economici, sociali, sanitari e simili…; il rispetto e l’osservanza universale dei diritti dell’uomo …”).

Anteprima della Tesi di Giorgio Mascolo

Anteprima della tesi: La globalizzazione dei mercati e il lavoro minorile alla luce della normativa internazionale in materia di diritti dell'uomo, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giorgio Mascolo Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12038 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.