Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I modelli produttivi territoriali dell'economia brasiliana

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

osservate per tutto il dopo guerra. Sappiamo però che questo decennio è caratterizzato da subperiodi diversi in termini di crescita economica. Tra il 1990 ed il 1993 il clima recessivo attraversato dall’economia determinò un tasso di crescita del PIL di appena 1,2% annuo (tasso questo che fu dello 0,3% per l’industria e del 2,3% per l’agricoltura). Nel secondo subperiodo (1993/97), il PIL aumentò in maniera ben maggiore, raggiungendo un tasso di crescita di poco superiore al 4,4% medio annuo (tasso di 3,8% per l’industria e 6% per l’agricoltura). Sembrano essere questi i temporanei buoni risultati conseguenti il Piano Real varato nel 1994 dal Presidente Fernando Henrique Cardoso. Tuttavia ancora negativi sono stati i risultati del 1998 e del 1999 in termini di PIL: il bassissimo tasso di crescita è stato rispettivamente di 0,2% e 0,8%, mentre una nuova buona performance si è rivelata quella del 2000 ed in parte quella del 2001. Ma gli sviluppi più recenti saranno affrontati più nel dettaglio nel paragrafo sucessivo. Altro fattore di estrema importanza è il comportamento del settore dei servizi durante gli anni ’90. Tra il 1980 e il 1990 i servizi sono cresciuti ad un tasso del 2,8% medio annuo, rivelando una performance migliore rispetto all’industria (anche se ancora inferiore a quella dell’agricoltura). All’interno del settore stesso si denota un rallentamento in ambito finanziario che era cresciuto già del 34% tra il 1980 ed il 1990, mentre notevole è l’incremento del segmento delle telecomunicazioni, come in molte economie nel mondo, che cresce del 120% tra il 1990 ed il 1996. In una visione retrospettiva di lungo periodo, questa dinamica intersettoriale può essere anche osservata dal Grafico 2.1. 2 Si vede che nei primi anni del secolo la partecipazione dell’industria al PIL è appena del 10%, mentre l’agricoltura rappresenta dal 36 al 38%, e gli altri settori dal 52 al 54% del 2 La voce “altri” include tutto il settore terziario (commercio, servizi, trasporti, comunicazioni ed intermediari finanziari) più le costruzioni civili, il settore estrattivo minerale e iservizi industriali di utilità pubblica.

Anteprima della Tesi di Claudio Martinello

Anteprima della tesi: I modelli produttivi territoriali dell'economia brasiliana, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Claudio Martinello Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2106 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.