Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tra arte e graphic design

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Un’altra copertina che presenta il medesimo fenomeno grafico di associazione formale titolo-immagine è quella di “Jugend”, II, n°18, 1 maggio 1897, la cui scritta composta con il fuoco dei tizzoni richiama quella presente sulla copertina del primo numero della rivista, analizzato anche in scheda. [Sezione superiore della copertina di “Jugend”, II, n°18, 1 maggio 1897. Dalle fiamme dei tizzoni sono generate le lettere che compongono il titolo del periodico.] Per quel che riguarda il lettering delle pagine interne, si nota come la scelta ricada quasi sempre su caratteri legati all’antico : lapidari nel numero del 1896, medievali in quello del 1909. Il giudizio sulla leggibilità dei testi varia tra medio e medio-scarso a causa sia del carattere scelto (i medievali per esempio sono di difficile lettura) sia per il corpo piccolo. Corpi piccoli consentono maggiore densità di pagina, dunque un maggior numero di testi letterari inseribili. La rivista “Jugend” non trascura infatti la componente letteraria, in quanto lo Jugendstil ricerca, come è già stato detto in precedenza, un rinnovamento totale. In entrambe le copertine prese in esame si preferisce la costruzione a campo di tensione, senza simmetria né sezione aurea. Questa scelta grafica denota una precisa volontà di trattare il campo come se si trattasse di un dipinto e, soprattutto, mostra quell’aspetto un po’ irrazionale che caratterizza anche la creazione pittorica. Non avere gabbie significa lasciare maggior spazio alla fantasia e alla creatività. Le immagini in copertina sono quasi sempre di natura figurativa, mentre il punto di vista dal basso viene utilizzato per conferire maggiore importanza alla figura. L’immagine non interagisce mai con lo sfondo e appare sempre riquadrata in cornici : non si ha mai la sensazione di uno spazio aperto, che continui oltre i limiti della cornice. Nelle immagini delle pagine interne invece, si

Anteprima della Tesi di Stefania Cima

Anteprima della tesi: Tra arte e graphic design, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Stefania Cima Contatta »

Composta da 485 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 26278 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.