Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I ristorni nelle società cooperative: aspetti giuridici e economici

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 cooperativa, inoltre non devono svolgere un’altra attività concorrente con quella della società cooperativa di cui fanno parte. Tuttavia è consentita l’ammissione come soci degli elementi tecnici ed amministrativi necessari per una buona gestione (terzo comma). L’art. 26 presume esistenti, “agli effetti tributari”, i requisiti mutualistici qualora lo statuto della società vieti la distribuzione dei dividendi in misura maggiore del 2% alla remunerazione dei buoni postali fruttiferi, nonché la distribuzione delle riserve tra i soci durante la vita sociale ed impone la devoluzione del patrimonio sociale a fini mutualistici all’atto dello scioglimento della società. Nonostante la funzione puramente tributaria di detto articolo, parte della giurisprudenza fonda l’accertamento della mutualità della società sulla presenza di tali disposizioni nello statuto. 14 L’art 29bis impegna il Ministero del lavoro e della previdenza sociale a favorire lo sviluppo della cooperazione e la diffusione dei principi cooperativi, attraverso l’opera delle associazioni nazionali riconosciute. Quest’ultimo articolo è stato aggiunto dalla l. 17 febbraio 1971, n. 127, avente ad oggetto la modifica della stessa legge Basevi. Eccettuate le disposizioni tributarie, la più importante norma contenuta nella l. 127/71 è rappresentata dall’art. 14, secondo il quale le società cooperative non possono essere trasformate in società ordinarie, anche se tale trasformazione sia deliberata all'unanimità. Con l’art. 17, ultimo comma, della l. 19 Marzo 1983, n.72, fu introdotta la limitazione all’erogazione del dividendo: il capitale sociale non deve essere remunerato in misura superiore al limite che l’art. 6bis d.l. 31 Ottobre 1980, n. 693 (convertito in legge dall’art 1 l. 22 Dicembre 1980, n. 891) pone all’interesse sui prestiti sociali, come condizione per godere delle agevolazioni tributarie previste a favore delle cooperative dall’art. 13 del d.P.R. 29 Settembre 1973, n. 601. I prestiti sociali sono contratti dalla cooperativa con i propri soci e rappresentano una tradizionale forma di finanziamento nel settore cooperativo: l’art. 12, ultimo 14 G. Capo, op. cit., pp. 70-73

Anteprima della Tesi di Lorenzo Lazzari

Anteprima della tesi: I ristorni nelle società cooperative: aspetti giuridici e economici, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Lorenzo Lazzari Contatta »

Composta da 135 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12417 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.