Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I ristorni nelle società cooperative: aspetti giuridici e economici

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 secundum legem 2 . Ora non si vuole trarre da dette norme conseguenze rivoluzionarie in ordine allo studio della disciplina cooperativa, secondo quella che è invece l’opinione sostenuta da autorevole dottrina: qui preme esclusivamente fornire una definizione giuridicamente fondata di ristorno. In prima approssimazione, i ristorni sono dei rimborsi che la società cooperativa opera a favore dei soci, in proporzione alle somme da loro pagate in più o ad essi corrisposte in meno al momento degli scambi cooperativi. 3 Come si vede, la definizione qui resa è minimale; nel prosieguo saranno illustrate le tesi esistenti (forse non tutte, essendo la produzione in merito molto cospicua) riguardo i vari problemi che la disciplina dei ristorni può implicare. Per dovere di completezza si deve ricordare che il suddetto art. 9 lettera a) è stato integrato dall’art. 2, secondo comma, del decreto del Ministero del lavoro 7 Dicembre 1967, sulle ispezioni ordinarie e straordinarie alle cooperative e loro consorzi, il quale impone di rilevare “le inosservanze della legge e dello statuto nonché le deviazioni dai principi della cooperazione”, conferendo valenza giuridica anche ai principi della cooperazione, ovvero allo spirito che anima la normazione consuetudinaria sulle cooperative; ciò pone seri problemi applicativi ai giuristi, sul piano della corretta e imparziale ricostruzione storica di tali principi, ma soprattutto in merito alla loro compatibilità col sistema del diritto cooperativo italiano. Al riguardo, la lettera dell’art. 9 delle Disposizioni sulla legge in generale: “Gli usi pubblicati nelle raccolte ufficiali degli enti e degli organi a ciò autorizzati si presumono esistenti fino a prova contraria”, permette di risalire ai documenti stilati dall’I.C.A. (International Co-operative Alliance), 4 organizzazione internazionale non governativa che riunisce decine di confederazioni cooperative nazionali, tra le quali vi sono anche tre delle quattro associazioni riconosciute dal governo italiano, alle quali spettano i succitati poteri 2 E. Cusa, I ristorni nelle società cooperative, Milano, 2000, pp. 8-16: in particolare l’Autore sostiene che alla luce delle disposizioni contenute nelle preleggi, le norme mutualistiche, ove considerate inderogabili, prevarrebbero sull’autonomia statutaria. 3 G. Capo, Le società cooperative e lo scopo mutualistico, in AA.VV, Società cooperative e mutue assicuratrici, a cura di A. Bassi, Torino, 1999, p. 90. 4 Il sito ufficiale dell’I.C.A. è http://www.coop.org/ica/index.html , dove è possibile consultare, tra le altre cose, gli studi e le dichiarazioni ufficiali sui principi cooperativi.

Anteprima della Tesi di Lorenzo Lazzari

Anteprima della tesi: I ristorni nelle società cooperative: aspetti giuridici e economici, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Lorenzo Lazzari Contatta »

Composta da 135 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12417 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.