Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Parziale caratterizzazione del gene men1 nel gatto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

ras, � fortemente accelerata dalle GTP-ase activating proteins (GAPs). Tutti i segnali del pathway di trasduzione, infine, interagiscono a livello nucleare con numerosi geni che coordinano la progressione del ciclo mitotico controllando la trascrizione dei geni della crescita. I fattori di trascrizione legano il DNA in specifici siti e possono attivare o inibire la trascrizione dei geni adiacenti. La progressione ordinata delle varie fasi del ciclo cellulare � realizzata dalle cicline, dalle chinasi-cicline dipendenti (CDKs) e dai loro inibitori; mutazioni nei geni che codificano per questi regolatori del ciclo cellulare sono stati riscontrati in molti tumori umani. Le CDKs sono espresse costitutivamente durante il ciclo cellulare ma in forma inattiva; sono attivate tramite fosforilazione dopo legame con le cicline che sono, invece, sintetizzate solo in specifiche fasi. La sintesi delle cicline D, che legano CDK4 e CDK6, � stimolata all�inizio della fase G 1 ; successivamente viene indotta la sintesi della ciclina E che si lega al CDK2. I complessi cilina D/CDK4, cilina D/CDK6 e ciclina E/CDK2 fosforilano la proteina Rb; quest�ultimo � un anti-oncogene che, nelle cellule quiescenti, � presente in forma attiva ipofosforilata e blocca la progressione del ciclo cellulare da G 1 a S sequestrando E2F. In seguito a fosforilazione la proteina Rb rilascia E2F che pu�, in ultima analisi, attivare la trascrizione di diversi geni target; dopo la mitosi una fosfatasi defosforila la proteina e la cellula torna in fase Go. L�ulteriore progressione alla fase G 2 � facilitata dalla up-regolazione della ciclina A che si lega alla CDK1 e alla CDK2; successivamente subentra la ciclina B che forma un complesso con CDK1 e che permette alle cellule di passare dallo stato G 2 alla fase M fosforilando una serie di proteine richieste per la mitosi. L�attivit� delle CDKs � regolata da due famiglie di inibitori: la prima � composta da tre proteine, p21, p27 e p57, che hanno effetto su tutte le CDKs; la seconda famiglia ha un effetto selettivo sui complessi ciclina D/CDK4 e ciclina D/CDK6 ed � composta da 4 membri, p14, p16, p18 e p19, chiamati anche INK4. I geni coinvolti nella formazione dei tumori sono stati suddivisi in 4 gruppi: 1) proto- oncogeni; 2) anti-oncogeni o cancer suppressor genes; 3) geni coinvolti nella regolazione dell�apoptosi; 4) geni coinvolti nella riparazione del DNA. Gli oncogeni, o geni che causano il cancro, derivano dai proto-oncogeni e sono coinvolti nel ciclo cellulare e nella differenziazione; le proteine da loro prodotte sono simili a quelle sintetizzate a partire dai proto-oncogeni ma la loro produzione � indipendente da stimoli esterni e molte di esse non hanno una funzione regolatoria. Il tumore compare quando queste proteine diventano anomale, cio� costitutivamente attivate, per mutazioni geniche o

Anteprima della Tesi di Sabrina Boselli

Anteprima della tesi: Parziale caratterizzazione del gene men1 nel gatto, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Medicina Veterinaria

Autore: Sabrina Boselli Contatta »

Composta da 89 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 902 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.