Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le economie di transizione nel passaggio da piano a mercato: il caso della Romania

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 La ricerca di metodi per una pi� facile realizzazione dei piani da vita ad altri fenomeni. Per ottenere una maggiorazione dei fondi salari, l�impresa doveva dimostrare di aver superato i piani, per fare questo l�impresa era solita dividere il piano annuale in piani mensili o trimestrali fissando livelli di produzione programmati bassi e facilmente realizzabili nei primi mesi. Non va dimenticato che, per il lungo lavoro necessario alla sua determinazione, il piano arrivava alle imprese in ritardo, a febbraio-marzo, il che comportava un ritmo di produzione difforme dal piano, poich� anche le consegne dipendevano da questo. Nei primi mesi dell�anno quindi, la produzione era lenta e spesso si fermava, portando ad un ulteriore squilibrio input-output. Per aggirare questa deformazione l�impresa aveva l�interesse a registrare la produzione in tempi e volumi non conformi alla realt� di personale. Il sistema non era autonomamente portato alla ricerca dell�innovazione, la bassa qualit� e la mancanza di un numero adeguato di personale tecnico specializzato, ne erano una concausa. Allo stesso tempo il sistema non incentivava le innovazioni tecniche: sia perch� chi percepiva l�idea di rinnovare doveva prima �vendere� l�idea a colleghi e gerarchi superiori, cosa che rende insicura l�appropriabilit� dei benefici, sia perch� la burocrazia che controllava l�impresa non riceveva segnali di mercato e non era quindi in grado di compiere valutazioni economicamente fondate rispetto ai progetti alternativi di ammodernamento tecnologico. Dal micro al macro. L�analisi del funzionamento dell�impresa, a livello microeconomico, pu� aiutarci a capire meglio come il sistema si muoveva a livello aggregato. Per questo secondo livello di analisi bisogna prendere atto di quali erano gli obbiettivi di un�economia socialista. Le economie socialiste si sono basate su un complesso fondamento ideologico, quello marxista-leninista. Naturalmente per dare una risposta su come il sistema sia stato applicato e se questo seguisse veramente le idee di Marx e Lenin, sarebbe necessaria un�analisi e una valutazione al di fuori della portata di questo lavoro. Sarebbe altres� affascinante spiegare come si siano scontrati diversi modi di vedere il comunismo, e come questi abbiano influito sulla vita quotidiana di milioni di persone. Il conflitto tra Tito e Stalin, i rapporti dell�Albania di Hoxha con URSS prima e con Cina poi, hanno sicuramente influenzato la politica internazionale, e la politica

Anteprima della Tesi di Andrea Loi

Anteprima della tesi: Le economie di transizione nel passaggio da piano a mercato: il caso della Romania, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Andrea Loi Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6313 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.