Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Contagio e interdipendenza nei mercati finanziari: aspetti metodologici ed evidenza empirica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione 6 legami cross-market costituiscono i fondamentali? E quali no? Un’ulteriore possibilità è limitare il contagio alla trasmissione di crisi attraverso specifici canali (come herding (Calvo (1999)), o gli investitori con imperfetta informazione (Kodres e Pritsker (2001))). Infine, una più ampia definizione identifica il contagio in qualsiasi canale che collega due paesi e che causa il co-movimento dei rispettivi mercati. La definizione di contagio qui utilizzata ha importanti vantaggi. Innanzi tutto, fornisce uno schema chiaro ed empiricamente pratico per verificare la presenza di contagio: è un semplice test che paragona i legami tra due mercati (espressi, ad esempio, in termini di coefficienti di correlazione cross-market o di probabilità di un attacco speculativo) durante un periodo relativamente stabile, con quelli rilevabili immediatamente dopo una crisi. In secondo luogo, è estremamente efficace nel valutare il ruolo e l’utilità potenziale delle istituzioni monetarie internazionali, che definizioni meno stringenti di contagio non permetterebbero di cogliere. I decisori di politica monetaria sono preoccupati che uno shock in un paese possa ridurre i flussi di capitale in un altro paese e causarvi, di conseguenza, una crisi finanziaria (quantunque temporanea), anche se i fondamentali della seconda economia sono forti e ci sono pochi legami reali tra i due paesi. Secondo la definizione adottata, questa trasmissione di shock costituirebbe contagio e giustificherebbe l’intervento di un’istituzione finanziaria internazionale con un prestito a breve termine che possa prevenire la crisi finanziaria nella seconda economia. D’altro canto, questo tipo di intervento non sarebbe giustificato se i paesi considerati fossero strettamente collegati attraverso fondamentali economici: in questo caso, infatti, non saremmo in presenza di contagio, come qui inteso, e un prestito potrebbe solo ridurre l’impatto negativo iniziale, posponendo l’inevitabile aggiustamento dei fondamentali di lungo periodo.

Anteprima della Tesi di Marco Negri

Anteprima della tesi: Contagio e interdipendenza nei mercati finanziari: aspetti metodologici ed evidenza empirica, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco Negri Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1448 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.