Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Contagio e interdipendenza nei mercati finanziari: aspetti metodologici ed evidenza empirica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 10 passa da 0.23, prima dello shock, a 0.39, dopo il crollo borsistico. Calvo e Reinhart (1996) usano questo approccio per verificare l’esistenza di contagio dopo la crisi messicana del 1994 e trovano che la correlazione tra i mercati emergenti asiatici e dell’America latina negli indici azionari e nei titoli di stato aumenta significativamente dopo la svalutazione del peso. Infine, Baig e Goldfajn (1998) mostrano che le correlazioni cross-country nelle valute e negli spread sui titoli di stato in Indonesia, Corea del Sud, Malesia, Filippine e Tailandia sono aumentate significativamente durante la crisi asiatica (dal Giugno 1997 al Maggio 1998), rispetto agli altri periodi. Riassumendo, tutti questi test basati sui coefficienti di correlazione tra mercati giungono alla medesima conclusione: i coefficienti di correlazione aumentano significativamente durante il periodo di crisi preso in esame e, di conseguenza, mostrano evidenza di contagio. Tuttavia, un aumento nella correlazione tra differenti economie può non essere una prova sufficiente dell’esistenza di contagio, secondo la definizione datane nell’Introduzione. Se i mercati sono storicamente correlati, se, cioè, sono interdipendenti, allora un brusco shock in un mercato si diffonderà spontaneamente agli altri paesi e i mercati potrebbero mostrare un considerevole aumento nei coefficienti di correlazione, senza che vi sia contagio. Forbes e Rigobon (1999, 2000 e 2001) e Rigobon (2001a) mostrano come, in presenza di eteroschedasticità nei corsi azionari o nei titoli di stato, verosimile in conseguenza di uno shock a causa dell’aumento della volatilità, un aumento nei coefficienti di correlazione possa semplicemente celare una continuazione di forti meccanismi di trasmissione, che esistono anche in più stabili periodi. Inoltre problematiche simili si incontrano pure considerando equazioni simultanee e variabili omesse: i coefficienti di correlazione condizionali continuano ad essere distorti e non forniscono prova di contagio in presenza di eteroschedasticità e, alternativamente, endogenità o variabili omesse. Queste argomentazioni saranno alla base delle trattazioni del capitolo 2.

Anteprima della Tesi di Marco Negri

Anteprima della tesi: Contagio e interdipendenza nei mercati finanziari: aspetti metodologici ed evidenza empirica, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco Negri Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1448 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.