Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Diritti umani e politica estera irlandese nel secondo dopoguerra

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 Il fatto che sia stata nominata dall’ONU Alto Commissario per i Diritti Umani è probabilmente un riconoscimento a livello internazionale della sua persona e degli obbiettivi che ha raggiunto. Sotto la sua guida l'Irlanda aderì al trattato di Maastricht (1991). In seguito alla caduta della coalizione guidata da Albert Reynolds e formata da Fianna Fáil e laburisti, nel dicembre 1994 si insedia al governo un'insolita coalizione "arcobaleno" guidata da John Bruton, che vede la partecipazione del partito di questi (il Fine Gael, di centro-destra), del Partito laburista e della Sinistra democratica (ex comunisti). Durante gli anni Novanta si rinnovano gli sforzi delle autorità di governo irlandesi per risolvere la questione dell'Ulster. Le trattative con il governo britannico culminano nella sottoscrizione di un documento di intesa, stipulato nel dicembre 1993 da Reynolds e dal premier inglese John Major. Nel febbraio del 1995, Bruton e Major annunciano l'inizio delle trattative per la pacificazione dell'Irlanda del Nord, che si rivelano presto molto difficili a causa dell'atteggiamento degli unionisti protestanti e del governo di Londra, nonostante un cessate il fuoco proclamato dall'IRA 13 . Nel 1995, in un referendum in cui lo scarto tra voti favorevoli e contrari è di poche migliaia di voti, nel paese viene introdotto il divorzio. Le elezioni presidenziali del 1997 vedono l'affermazione del Fianna Fáil con la sua candidata, la cattolica Mary McAleese, originaria di Belfast e insegnante di Diritto al Trinity College di Dublino 14 . Dopo la nuova tregua proclamata dall'IRA il 19 luglio 1997, il processo di pace in Irlanda del Nord riprende e Dublino vi svolge un ruolo determinante. In seguito all'accordo di 13 Cessate il fuoco accettato solo in un secondo momento anche dalle formazioni armate protestanti e durato ben diciassette mesi, dall'agosto 1994 al febbraio 1996. 14 L’ex- presidentessa Mary Robinson, non si era ricandidata.

Anteprima della Tesi di Monia Donati

Anteprima della tesi: Diritti umani e politica estera irlandese nel secondo dopoguerra, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Monia Donati Contatta »

Composta da 191 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1632 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.