Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Diritti umani e politica estera irlandese nel secondo dopoguerra

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 condanna a morte dopo l’insurrezione di Pasqua in virtù della cittadinanza statunitense. L’approvazione del trattato da parte del Dáil (anche se a maggioranza assai esigua) e la ratifica mediante un referendum popolare (in cui gode di una maggioranza superiore), non evitano lo scoppio della guerra civile del giugno del 1922. Nello stesso anno, con l’entrata in vigore della costituzione, lo stato diviene ufficialmente lo stato libero d’Irlanda. Mentre l’Irlanda del nord continua a svilupparsi con il resto del regno, lo Stato libero, deluso da un’indipendenza non piena, travagliato da lotte interne, stenta a ritrovare un proprio equilibrio. L’istituzione della costituzione, che dà al paese il nome gaelico di EIRE, completa l’indipendenza nazionale abolendo lo statuto di dominion. La pace tanto agognata, lascia però molte questioni in sospeso. La minoranza di deputati eletti dai repubblicani e dalle fazioni contrarie al trattato si rifiutano di partecipare alle sedute del parlamento, in quanto la loro partecipazione avrebbe comportato un atto di sottomissione alla Corona inglese. Mancando uno scontro armato, l’IRA viene ridotta ad un ruolo marginale. Con la disgregazione del Sinn Féin 5 , si affaccia sul panorama politico irlandese un nuovo partito chiamato Fianna Fáil 6 , sorto nel 1926 per volere di de Valera che, nel 1927 riesce a salire al governo, sebbene i suoi rappresentanti protestino contro il giuramento di fedeltà alla Corona. Dopo le elezioni De Valera entra nel Dáil con un espediente, fingendo cioè di giurare fedeltà alla Corona inglese, mentre in realtà non ha alcuna intenzione di farlo. 5 Partito nazionalista irlandese fondato da Arthur Griffith nel 1905 a Dublino. Fino al 1917 il Sinn Féin (dal gaelico, "noi da soli") fu un'organizzazione pacifica, creata a scopo di propaganda, che intendeva promuovere la causa irlandese attraverso campagne di stampa, e che prospettava l'introduzione di una duplice monarchia per Inghilterra e Irlanda sull'esempio di quanto fatto per Austria e Ungheria nel 1867 Queste idee non ebbero seguito, ma nel 1916 l'insurrezione di Pasqua trasformò il Sinn Féin in un movimento repubblicano che, sebbene non avesse ufficialmente partecipato alla rivolta, vi fu associato. 6 Viene tradotto come “Guerrieri d’Irlanda” o anche “Soldati del Destino”. Partito fondato da De Valera, in opposizione al Sinn Fein (al quale apparteneva e che rifuse dopo aver rotto con la parte estremista).

Anteprima della Tesi di Monia Donati

Anteprima della tesi: Diritti umani e politica estera irlandese nel secondo dopoguerra, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Monia Donati Contatta »

Composta da 191 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1632 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.