Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Identità digitale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

l'istanza creativa ovvero la possibilità di scegliere all'interno della situazione sociale. "La parte iniziale di ogni atto, qualunque sia la fonte dello stimolo o dell'invito all'azione, implica un soggetto agente che diventa consapevole dell'ambiente e degli oggetti verso i quali l'azione è indirizzata. Ma l'azione è inizialmente non organizzata e non diretta e costituisce una risposta a qualcosa di non ben definito finché l'individuo non ne diventa consapevole" 31 . E’ proprio attraverso tale processo che l’individuo introduce elementi di novità, ecco perché ognuno costituisce un’unità poliedrica che elabora le proprie esperienze in situazioni presenti ma anche in relazione al passato e al futuro. La dimensione temporale assume un’importanza strategica nell’esperienza umana, in quanto è una categoria che, legata agli oggetti, fra cui appartiene anche il sé, ne permette una concezione mutevole, modificabile e ricordabile lungo un’asse temporale sia interiore al soggetto, la sua memoria, sia esteriore ad esso, il mondo. Emerge così l’idea di un “sé ideale” che può spingere l’individuo verso la ricerca di strumenti validi per il raggiungimento di mete ambite, o comunque in direzione di attività volte alla rimozione di quelle considerate non desiderabili. Come Palmonari ed Altri suggeriscono, ciò che attiva l'uomo verso determinate mete è designato con il nome di “motivazione” 32 intesa come il motore della condotta. Essi però precisano anche che nella prospettiva interazionista tale nozione è da considerarsi come parte inscindibile della fase impulsivo-creativa che concerne l’Io; difatti anche se si procede ad una tassonomia delle possibili motivazioni umane si ha la netta sensazione che il comportamento nella sua totalità non si lasci racchiudere in tali categorizzazioni. 31 Cfr. F. Carugati - G. Speltini - M. Ravenna, Il Sé e l'identità: concetti classificatori o costrutti dinamici?, in P. Amerio e G. P. Quaglino, Mente e Società nella ricerca psicologica, op. cit., p. 299. 32 Per una trattazione approfondita del tema si veda P. Paolicchi, Interessi Motivazioni Orientamento, Varese, Giuffrè Editore, 1969.

Anteprima della Tesi di Luciana Ferretti

Anteprima della tesi: Identità digitale, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Luciana Ferretti Contatta »

Composta da 149 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8151 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.