Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Identità digitale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

"La motivazione è più uno stato dell’individuo in un particolare momento nel quale è sensibile all'ambiente. (...) Questi stati di sensibilizzazione dell'individuo influenzano la fase impulsivo-creativa del Sé, cioè l'Io, secondo modalità molto più articolate e complesse che non quelle riconducibili alla presenza di singole motivazioni ad hoc per ogni tipo di comportamento" 33 . L'uomo fa appello al Me per indirizzare la propria condotta in conformità alle aspettative che la società gli pone. Tuttavia tale istanza non funziona come un censore adibito a limitare l'azione di un Io concepito come libero e in qualche modo antisociale; semplicemente essa aiuta “l'animale sociale” a vivere meglio all'interno del gruppo, coadiuvando inoltre la stabilità di entrambe le parti dell'interazione. Tutto ciò non significa cooperazione assoluta tra i due livelli, semmai un tentativo continuo di aggiustamento tra le ambigue aspettative sociali e il desiderio di autoaffermazione dell'Io. E' proprio quando il soggetto riflette su se stesso utilizzando quel filo conduttore che è il tempo, che egli ha la possibilità di percepire un senso di continuità-discontinuità, di coerenza-frammentarietà e progettualità riguardo all'esperienza di sé. "Questa consapevolezza di contenuti (riguardanti il proprio corpo, le relazioni con gli altri, le mete individuate, la rappresentazione delle immagini e dei sentimenti, le valutazioni degli altri sul proprio conto, l'appartenenza gruppi, i rapporti con le istituzioni) ed il significato emozionale complessivo che essi assumono lungo le dimensioni indicate, può essere definita come “identità”" 34 . 33 A. Palmonari - F. Carugati - P. E. Ricci Bitti - G. Sarchielli, Identità imperfette, op. cit., p. 160. 34 Ibidem, p. 161.

Anteprima della Tesi di Luciana Ferretti

Anteprima della tesi: Identità digitale, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Luciana Ferretti Contatta »

Composta da 149 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8135 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.