Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il vincolo di giudicato nel controllo di costituzionalità delle leggi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

giudizi incidentali di legittimità. Il riconoscimento del processo costituzionale come ‘giudizio’ 15 a quo appare infatti a molti come una presa di posizione implicita della Corte sulla natura delle proprie funzioni 16 . Poiché la rimessione della questione deve avvenire da parte di un’ autorità giurisdizionale, alla Corte si dovrebbe riconoscere, in quanto legittimato giudice a quo, la natura relativa 17 . 15 L’art. 1 della legge cost. 1/1948 e l’art. 23, I e III c., della legge 87/1953 richiedono che la questione di legittimità costituzionale sia sollevata (o rilevata d’ufficio) ‘nel corso di un giudizio’. 16 Si può dubitare di questa conclusione: c’è chi pensa che da simili sporadiche affermazioni non si possano trarre illazioni così impegnative. Uno spunto in tal senso può leggersi di V. Crisafulli, Le funzioni della Corte costituzionale nella dinamica del sistema: esperienze e prospettive, in “Rivista di diritto processuale”, 1966, pp. 23 e 220-221: “l’ammissibilità di questioni di l. c. dinanzi alla Corte potrebbe quindi ritenersi, ... inerente alla peculiarità della posizione della Corte nel sistema, e nessun rapporto avrebbe, allora, con l’essere o meno la Corte una ‘autorità giurisdizionale’ ai sensi dell’art. 1 legge cost. n. 1/1948 o con la natura delle funzioni svolte dalla Corte stessa”; in tale scritto Crisafulli rinuncia ad enunciare la soluzione della questione dichiarando che essa rimane aperta, non potendosi ritenere decisivi né gli argomenti contrari al carattere giurisdizionale né quelli favorevoli. 17 La questione si fa più intricata proprio nel tentativo di approfondirla: anche all’ interno della decisione solitamente citata per ricavarne la nozione di giudice a quo (C. Cost. 83/1966) si trovano sia elementi per sostenere la natura giurisdizionale dell’organo sia per negarla; ciò in quanto si richiede che la questione sia sollevata da una ‘autorità giurisdizionale’ ma si precisa – immediatamente dopo – che si possono considerare tali, al fine di individuare un giudice a quo legittimato, anche ‘organi … estranei all’organizzazione della giurisdizione ed istituzionalmente adibiti a compiti di diversa natura’. L’indagine oggetto del mio lavoro può prescindere dalla soluzione del dilemma.

Anteprima della Tesi di Valeria Cinollo

Anteprima della tesi: Il vincolo di giudicato nel controllo di costituzionalità delle leggi, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Valeria Cinollo Contatta »

Composta da 124 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2293 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.