Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Comunicare l'immagine di eccellenza - Il caso Ferrari

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Per quanto riguarda le Società quotate in borsa (e tra queste rientrerà a breve la Ferrari), la presentazione di un bilancio corretto e comprensibile è un elemento fondamentale per una politica che prevede l’apertura al mercato dei capitali, soprattutto quando viene coinvolto in maniera significativa anche il mercato estero. Quando analizzeremo la comunicazione finanziaria della Ferrari e gli strumenti utilizzati, vedremo più da vicino come e perché venga gestita questa tipologia di comunicazione. Il terzo tipo di comunicazione esterna dell’azienda è definita “di marketing”. Essa ha il compito di fare in modo che il potenziale cliente si trasformi in cliente effettivo rispetto ad un determinato prodotto o ad una determinata marca, agendo direttamente sul comportamento invece che solo sull’atteggiamento. Gli strumenti più utilizzati sono: - la pubblicità, ossia la forma di comunicazione a pagamento attraverso i mass media, con la quale si rappresentano al potenziale cliente le caratteristiche di un prodotto o servizio per finalità di natura commerciale; - il direct marketing, basato sul contatto diretto ed immediato tra le forze di vendita e il potenziale cliente; - la promozione delle vendite, tramite sconti o altri vantaggi per il cliente o il commerciante; - le sponsorizzazioni, per mezzo di supporti finanziari, tecnologici, organizzativi o professionali dell’attività sponsorizzata; - le fiere e le mostre, generali o di settore; - le relazioni pubbliche, (utilizzate anche nella comunicazione istituzionale) definite dal Webster come “l’insieme di quelle attività che una qualsiasi organizzazione intraprende, allo scopo di creare sani e fecondi rapporti con pubblici specifici e con il pubblico generico e allo scopo di adeguarsi all’ambiente e farsi conoscere dalla comunità” 6 . In genere la pubblicità viene distinta in maniera netta dagli altri strumenti utilizzati, tant’è che viene definita come comunicazione over the line, ossia 6 V. Quaglione, S. Spantigati, M. Unnia, Professione comunicatore, Etaslibri, Milano 1990, pag. 92

Anteprima della Tesi di Valerio De Luca

Anteprima della tesi: Comunicare l'immagine di eccellenza - Il caso Ferrari, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Valerio De Luca Contatta »

Composta da 294 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 19441 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 57 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.