Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'integrazione dei cittadini dei paesi terzi in Europa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 Le poche disposizioni del Trattato Ce del 1957 in tema di politica sociale, contenute negli ex artt.117 ss. (ora artt.137 ss.), confermano l�impostazione di tipo economico che si � voluto dare alla costruzione europea. La formulazione generica delle norme in materia di sicurezza sociale e di divieto di discriminazioni tra lavoratori e lavoratrici, unitamente alla povert� dei mezzi di intervento a disposizione, dimostrano come il legislatore comunitario fosse convinto che il miglioramento delle condizioni sociali sarebbe stato una logica conseguenza di un�efficace integrazione economica. Nel tempo per� si assiste ad un maggiore intervento delle istituzioni comunitarie nel settore sociale. In particolare cresce il loro interesse nei confronti dell�immigrazione, in considerazione della maggior rilevanza e complessit� che il fenomeno tende ad assumere a livello europeo. I primi timidi interventi della Commissione e del Consiglio tesi a disciplinare questa materia si possono ricollegare con la progressiva realizzazione in Europa di un mercato comune. L�originario art. 2 del Trattato Ce del 1957 prevedeva l�instaurazione del mercato comune come strumento principale per il raggiungimento di una serie di scopi tra cui quello di promuovere lo sviluppo economico in ambito comunitario 5 . Dalla met� degli anni Ottanta al concetto di mercato comune si � affiancato quello di mercato interno, che l�articolo 14, 2�co. TCE (ex art.7A) definisce come uno �spazio senza frontiere interne, nel quale � assicurata la libera circolazione delle merci, delle persone, dei servizi e dei capitali secondo le disposizioni del presente trattato� 6 . Data l�assenza di una definizione normativa di mercato comune, parte della dottrina considera le due nozioni equivalenti 7 . 5 Con il Trattato di Maastricht sono stati aggiunti due strumenti a disposizione della Comunit� per il perseguimento dei suoi obiettivi: l�instaurazione di una unione economica e monetaria, e l�attuazione delle politiche e azioni comuni. 6 La nozione di mercato interno � stata introdotta dal �Libro bianco sul completamento del mercato interno�, presentato dalla Commissione in occasione del Consiglio europeo di Milano del giugno 1985. 7 Cfr. G. Tesauro (2001 ), �Diritto comunitario�, 238.

Anteprima della Tesi di Paolo Guelfi

Anteprima della tesi: L'integrazione dei cittadini dei paesi terzi in Europa, Pagina 7

Tesi di Master

Autore: Paolo Guelfi Contatta »

Composta da 75 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3473 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.