Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'onirico, il visionario e l'ossessivo in Salman Rushdie: tematiche post-coloniali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 old refuses to die, so that the new cannot be born, and all manner of ‘morbid symptoms’ arise. 5 Guarito, apparentemente, dal male misterioso che lo porterà quasi alla morte, Gibreel si ritrova in preda ad allucinazioni oniriche e reali che diventano costituenti essenziali della sua ossessione, poiché la malattia si trasformerà da fisica a psichica. Il sintomo più evidente di questo malessere sono i sogni che continuamente perseguitano il personaggio. Si tratta però di sogni molto particolari, poiché descrivono, episodio dopo episodio, la genesi della religione islamica. Connessi l’uno all’altro, ogni sogno comincia nel punto esatto in cui s’interrompe il precedente e Gibreel non è solo il sognatore, ma anche protagonista e spettatore. La sua ossessione è così forte ed insopportabile da costringerlo a resistere in ogni modo al sonno per evitare di cadere preda dei sogni, quando, però non ce la fa più deve rassegnarsi all’inevitabile lasciando libero corso alle rappresentazioni oniriche della sua mente. Attraverso l’analisi dei sogni di Gibreel e dei sintomi del suo malessere psico-fisico è possibile risalire alla causa generatrice della nevrosi, al trauma che ha provocato disturbi psichici nel soggetto. La malattia di Gibreel ha come conseguenza immediata la perdita della fede determinata dalla delusione del personaggio che, giunto quasi in punto di morte, chiede vanamente aiuto a Dio affinché lo salvi. La punizione per la sua incredulità è però terribile: i sogni invadono la sua mente rendendolo incapace di distinguere la realtà dall’illusione. La malattia non è solo metafora della crisi in cui egli si trova, ma diventa anche punizione per la sua incredulità e si concretizza attraverso l’ossessione dei sogni, che oltre ad essere particolari per la loro consequenzialità, descrivono situazioni ed eventi relativi alla religione islamica. Attraverso la dimensione onirica lo scrittore descrive, infatti, la storia dell’islam dagli inizi fino alla spartizione del mar Arabico, attribuendo il ruolo di protagonista al sognatore Gibreel che riveste i panni dell’Arcangelo Gabriele: 5 Salman Rushdie, Step Across This Line, Jonathan Cape, London, 2002, p. 323

Anteprima della Tesi di Angela Monetta

Anteprima della tesi: L'onirico, il visionario e l'ossessivo in Salman Rushdie: tematiche post-coloniali, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Angela Monetta Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4080 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.