Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'onirico, il visionario e l'ossessivo in Salman Rushdie: tematiche post-coloniali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 equably, upon a flying carpet. ‘Rekha Merchant,’ Gibreel greeted her. (p. 7) Le persecuzioni di Chamcha sono invece una sorta di vendetta da lui attuate nei confronti del suo compagno di sventura che, in seguito alla caduta dall’aereo, lo ha abbandonato al corso degli eventi. Il forte conflitto che si genera tra i due, diventati ormai rappresentanti del bene e del male, diventa metafora dell’eterna disputa tra bene e male. Resosi conto della grave malattia mentale di cui è affetto Gibreel, Chamcha cerca di sfruttarla per portare a compimento la sua vendetta. A tale scopo egli si riavvicina a Gibreel dimostrandogli, in apparenza, tutta la sua amicizia. Per mettere in atto il suo piano, Chamcha raggiunge Gibreel nella casa di campagna in cui si è nel frattempo rifugiato insieme alla sua compagna, Alleluia Cone. Dimostrandosi amico del rivale riesce a scoprire il suo punto più vulnerabile: la forte gelosia per la compagna. Dopo aver conosciuto nei minimi dettagli ogni aspetto della vita di coppia, Chamcha comincia a fare una serie di telefonate anonime, modificando la sua voce e recitando versi poetici ed osceni dedicati a lei. La gelosia di Gibreel diventa così sempre più forte fin quasi a farlo impazzire: I like coffee, I like tea, I like things you do with me. […] I like butter, I like toast, You’re the one I love the most. […] Rosy apple, lemon tart, Here’s the name of my sweetheart. (p.444) Queste telefonate contribuiscono ad aumentare in Gibreel la sensazione paranoica di essere vittima delle persecuzioni di un maniaco che vuole rubargli la compagna. La gran confusione della mente, causata dal delirio e dai sogni che continuamente la popolano, diventa per Gibreel l’unica realtà esistente, poiché egli non riesce più a distinguere la realtà oggettiva dalla dimensione onirica.

Anteprima della Tesi di Angela Monetta

Anteprima della tesi: L'onirico, il visionario e l'ossessivo in Salman Rushdie: tematiche post-coloniali, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Angela Monetta Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4082 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.