Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La determinazione del trattamento di fine rapporto nella giurisprudenza

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1: Dall'Indennità di Anzianità al Trattamento di Fine Rapporto 8 provvedimenti legislativi, diretti non solo a realizzare una tutela quasi reale contro i licenziamenti individuali ingiustificati ma anche un sistema di pensioni di invalidità e vecchiaia indicizzato al costo della vita e un sistema di cassa integrazione, comprensivo del trattamento speciale contro la disoccupazione. Tali provvedimenti, sia pure indirettamente, attenuano sensibilmente il collegamento dell'indennità di anzianità con l'insorgenza dello stato di bisogno del lavoratore determinato dalla perdita del posto di lavoro. Occorre precisare che il cumulo dell'indennità con la pensione non è automatico, essendo necessaria la maturazione di una certa anzianità per conseguire il diritto alla pensione. In sostanza la tutela più incisiva ma non integrale, assicurata dalla normativa dianzi accennata può considerarsi un elemento che conferisce, sia pure indirettamente, una connotazione diversa da quella precedente alla funzione dell'indennità di anzianità. L'indennità di anzianità quindi, così come si configura dal 1966 al 1977 iniziò ad essere erogata a titolo di previdenza perdendo progressivamente il collegamento con l'insorgenza dello stato di bisogno del lavoratore e assumendo natura di corrispettivo a fronte della prestazione complessivamente resa: l'indennità di anzianità appare quindi sempre meno finalizzata al sostentamento del lavoratore disoccupato e sempre più diretta alla formazione di un risparmio. In dottrina, infatti, le definizioni che maggiormente venivano utilizzate per definire questo istituto erano quella di "risparmio forzoso" e quella di "retribuzione differita".

Anteprima della Tesi di Fausto Di Battista

Anteprima della tesi: La determinazione del trattamento di fine rapporto nella giurisprudenza, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Fausto Di Battista Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4527 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.