Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il terzo pilastro della previdenza: analisi di un decollo mancato

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 - Le iniquità redistributive: causate dal fatto che sussistevano regimi diversi. La pensione era calcolata in funzione dell’ultima retribuzione – o di una media delle ultime retribuzioni – senza tener conto della vita attesa al momento del pensionamento. Queste disposizioni favorivano le carriere lavorative più dinamiche e quindi coloro che appartenevano alla fascia medio-alta della distribuzione dei redditi. Le ricadute del sistema sulla distribuzione dei redditi erano quindi spesso ben diverse dalle aspettative, fomentando, man mano che questi dati divennero manifesti, l’insoddisfazione verso il sistema pensionistico. - Gli incentivi perversi: attraverso i quali si ebbero fenomeni come l’occultamento dei redditi e le promozioni finali fittizie; anche la scelta dell’età in cui terminare l’attività lavorativa era influenzata dalle normative vigenti: il limite d’età in cui andare in pensione fu abbassato proprio mentre la vita media aumentava, inoltre, l’aumento della pensione per ogni anno di prosecuzione dell’attività oltre il limite minimo era poco vantaggioso. Sulla base di questi problemi la necessità di ricercare l’equità dei rendimenti nell’ottica di un riallineamento finanziario e di un pari trattamento intragenerazionale hanno spinto in più occasioni i recenti governi a vari tentativi di riforma: i due esperimenti più incisivi sono stati quelli compiuti dal governo Amato nel 1993 e dal governo Dini nel 1995 e, a parziale riconferma, dal governo Prodi nel 1997. Le tre principali riforme attuate nel volgere del decennio sono state ispirate al comune filo conduttore di riportare sotto controllo la spesa per le pensioni, di ridurre il rapporto tra spesa previdenziale e PIL e di introdurre norme perequative per raggiungere una maggiore omogeneità tra i diversi trattamenti, mentre rimane sostanzialmente immutato il sistema dei contributi. [D’Amato; Galasso 2001]

Anteprima della Tesi di Samuela Russo

Anteprima della tesi: Il terzo pilastro della previdenza: analisi di un decollo mancato, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Samuela Russo Contatta »

Composta da 210 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2721 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.