Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il terzo pilastro della previdenza: analisi di un decollo mancato

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 nei casi previsti non viene meno per il mancato versamento dei premi o contributi. iii. Intervento dello Stato: con integrazioni nella gestione finanziaria degli istituti di previdenza e assistenza sociale. iv. La finalità: non puramente risarcitiva degli istituti assicurativi essendo loro compito anche e soprattutto quello di reintegrare, nei limiti del possibile, la capacità produttiva del lavoratore. Alla fine degli anni’60 un’importante legge di riforma segna una svolta nel sistema della sicurezza sociale: è confermata l’adozione del nuovo sistema di calcolo delle pensioni basato sulle ultime retribuzioni introdotto nel 1968, viene introdotta la pensione sociale per i cittadini di oltre 65 anni sprovvisti di reddito. I residui del sistema a capitalizzazione vennero aboliti e l’introduzione del Welfare State ampliò la partecipazione dello Stato alla spesa pensionistica al punto da sostenere interamente l’onere delle pensioni sociali e finanziare la spesa di tutte le altre pensioni. La solidarietà tra generazioni comincia così ad essere il principio cardine della previdenza italiana. Dal 1948 fino agli inizi degli anni’70 il sistema rimase finanziariamente autosufficiente ed anche nel periodo successivo le gestioni finanziariamente attive continuarono a sostenere quelle passive. Gli anni’70 e ’80 sono caratterizzati, oltre che da una forte espansione della spesa pensionistica – dovuta proprio alle grandi manovre del Welfare State –, dall’intervento massiccio a sostegno dell’economia nazionale mediante l’istituto dell’integrazione delle pensioni al trattamento minimo, il riconoscimento del pensionamento anticipato di vecchiaia (prepensionamento) per i lavoratori dipendenti dalle aziende in crisi, ma soprattutto mediante un largo riconoscimento delle pensioni d’invalidità.

Anteprima della Tesi di Samuela Russo

Anteprima della tesi: Il terzo pilastro della previdenza: analisi di un decollo mancato, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Samuela Russo Contatta »

Composta da 210 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2721 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.