Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi comunicative e cooperative in un ambiente virtuale condiviso

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 una rete socioculturale nella quale ‘sono collegati’ oggetti, persone e le loro interazioni. Essi assumono l’esistenza di un mondo di artefatti sia fisici (ad esempio le componenti fisiche di una rete di computer) che concettuali (ad esempio le norme sociali che stanno alla base di un utilizzo organizzativo della rete di computer) che mediano tra gli attori e tra questi e gli oggetti creando una possibile comunicazione e cooperazione. Gli ambienti reali e virtuali sono considerati spazi pubblici nei quali si sviluppa una interazione sociale mediata da artefatti. Secondo gli autori, gli attori che si muovono in un ambiente virtuale sono consapevoli del fatto che stanno interagendo con un ambiente sintetico e l’artificialità di questo gli è perfettamente chiara prima, durante e dopo l’esperienza. Propongono un concetto culturale di presenza come una costruzione sociale (Mantovani e Riva, 1999). Concetti basilari di questo approccio sono che la “realtà” non è lì fuori nel mondo, ma è co-costruita in una relazione tra gli attori e i loro ambienti attraverso le negoziazione sociale e la mediazione di artefatti (Mantovani, 1996; Riva e Galimberti, 1997a; Riva e Mantovani, 1999). Presentano una nuova definizione di presenza che: ammette il carattere mediato di ogni possibile esperienza di presenza, concepisce sempre l’esperienza come immersa in un contesto sociale, sottolinea la componente di ambiguità inerente alle situazioni quotidiane e mette in evidenza la funzione di spiegazione che la cultura svolge (Mantovani e Riva, 1999). Gli utenti di un sistema di realtà virtuale provano un senso di presenza se e solo se possono usare la realtà virtuale per interagire (Riva, Castelnuovo, Giaggioli e Mantovani, F., 2002). Spagnolli e Gamberini (2002) hanno studiato la presenza in un ambiente virtuale in relazione ad un problema tecnico. Secondo gli autori l’ibridità è una delle caratteristiche della presenza. Per ibridità si intende un setting ampliato nel quale convogliano gli elementi di diversi ambienti. Come ci spiegano gli autori, la presenza in una simulazione non esclude gli aspetti del mondo reale: gli utenti

Anteprima della Tesi di Laura Bua

Anteprima della tesi: Analisi comunicative e cooperative in un ambiente virtuale condiviso, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Laura Bua Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1614 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.