Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi comunicative e cooperative in un ambiente virtuale condiviso

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 L’incontro con Jaron Lanier, uno dei padri della Realtà Virtuale, fece sì che quest’invenzione potesse essere ulteriormente perfezionata. Al guanto venne abbinato il casco per visione stereoscopica (Eyephone) e una particolare tuta (Datasuit) in grado di riprodurre in tempi reali i movimenti corporei; così facendo il cybercorredo classico per la navigazione in un ambiente virtuale viene completato (Jolivat, 1999). Con l’aiuto degli ultimi sviluppi tecnologici si arriva a poter ricostruire una realtà simulata non più solamente mediata da uno schermo, ma costruita da ambienti virtuali tridimensionali con cui l’uomo può interagire proficuamente grazie agli strumenti sopra descritti. Secondo la letteratura esistono oggi differenti tipi di realtà virtuale che si distinguono a seconda del grado di immersione e di coinvolgimento. La realtà virtuale su desktop (Desktop Virtual Reality) è la forma più comune e più economica. L’ ambiente virtuale è simulato su un monitor tradizionale che riproduce le immagini tridimensionali, ma in questo modo la sensazione di coinvolgimento appare debole perché l’utente non è “isolato” dal mondo reale. Con la realtà virtuale immersiva (Immersive Virtual Reality) si ha una completa immersione in un ambiente virtuale che è caratterizzata dal fatto che l’utente indossa speciali strumenti come i dataglove, l’head mounted display (HMD) e i tracker. È grazie a questi strumenti che l’utente è immerso completamente nel mondo virtuale. Questa forma crea una forte sensazione di immersione perché l’ambiente virtuale è esplorabile visivamente ed in più tale sensazione è aumentata dal fatto che vi è la possibilità di interagire con gli oggetti raffigurati nell’ambiente. Nei primi anni ’90 viene inventato un nuova tipologia di Realtà Virtuale, il CAVE (Cave Audio Visual Environment). Questa forma di realtà virtuale è un nuovo tipo di sistema dal punto di vista dell’ hardware. Le immagini vengono

Anteprima della Tesi di Laura Bua

Anteprima della tesi: Analisi comunicative e cooperative in un ambiente virtuale condiviso, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Laura Bua Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1614 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.