Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Cooperazione economica e ambientale dell'Unione europea con paesi del sud del Mediterraneo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 dollaro in oro dava il via a un'epoca di grande instabilità monetaria mondiale, aggravata dagli effetti della crisi petrolifera del 1973 e del 1979. La realizzazione del Sistema monetario europeo, nel 1979, ha contribuito a rendere più stabili i rapporti di cambio e a spingere gli Stati membri verso politiche di rigore che hanno consentito loro di mantenere dei legami di solidarietà e di attenersi ai principi di uno spazio economico aperto. Nel 1981 e nel 1986, le adesioni della Grecia, della Spagna e del Portogallo hanno rafforzato il versante meridionale della Comunità, rendendo ancor più necessaria la realizzazione di programmi strutturali destinati a ridurre le disparità di sviluppo economico fra i Dodici. Contemporaneamente, la Comunità si è affermata sul piano internazionale consolidando i legami contrattuali stretti con i paesi del Mediterraneo meridionale e con i paesi dell'Africa, dei Caraibi e del Pacifico, associati grazie alle successive convenzioni di Lomé. L'accordo firmato a Marrakech, il 14 aprile 1994, da tutti gli Stati membri del GATT ha fatto entrare in una nuova fase di sviluppo il commercio mondiale. L'Unione europea, che ha parlato con una sola voce, si è imposta nel corso dei negoziati, lasciando la sua impronta e facendo valere i suoi interessi. Prima potenza commerciale mondiale, l'Unione sta acquisendo gli strumenti che le permettono di affermare la sua identità sulla scena internazionale e si pone l'obiettivo di realizzare una politica estera e di sicurezza comune. L'"europessimismo" dominante agli inizi degli anni '80, alimentato sia dagli effetti della crisi economica mondiale che da un difficile dibattito interno sulla ripartizione degli oneri finanziari, ha ceduto il posto, a partire dal 1985, a una nuova speranza di rilancio della dinamica europea. Sulla base di un "Libro bianco", presentato nel 1985 dalla Commissione presieduta da Jacques Delors, la Comunità ha deciso di completare la creazione del grande mercato interno per il 1 gennaio 1993. L'impegno costituito da questa data e le disposizioni legislative che hanno reso possibile il conseguimento di un obiettivo così ambizioso, vennero sanciti nell'Atto unico europeo, firmato nel febbraio 1986 e entrato in vigore il 1 luglio 1987. La caduta del muro di Berlino, seguita dalla riunificazione tedesca, avvenuta il 3 ottobre 1990, e la democratizzazione dei paesi dell'Europa centrale e orientale, liberati dalla tutela dell'Unione sovietica, la quale si dissolve nel dicembre 1991, trasformano profondamente la struttura politica del continente. I Dodici si sono impegnati in un processo di approfondimento della loro unione negoziando un

Anteprima della Tesi di Marzia Tamburrino

Anteprima della tesi: Cooperazione economica e ambientale dell'Unione europea con paesi del sud del Mediterraneo, Pagina 3

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Marzia Tamburrino Contatta »

Composta da 125 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3596 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.