Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Cooperazione economica e ambientale dell'Unione europea con paesi del sud del Mediterraneo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Commissione, il processo di adesione riguarderà gli Stati candidati dell'Europa centrale ed orientale e Cipro. A titolo preventivo, è stata convocata una conferenza europea "per riunire gli Stati membri e gli Stati candidati in possesso dei requisiti per l'adesione" all'Unione e atti a "condividere i suoi valori ed obiettivi sia interni che esterni". La conferenza europea rappresenta l'occasione per una consultazione politica multilaterale su questioni di interesse generale per i partecipanti al fine di sviluppare ed intensificare la loro cooperazione nei settori della politica estera e della sicurezza, della giustizia e degli affari interni, nonché in altri settori d'interesse comune segnatamente in materia di economia e di cooperazione regionale. La prima sessione della conferenza si è tenuta a Londra il 12 marzo 1998 e la Turchia non ha inviato alcun suo rappresentante. Il processo di adesione ha preso l'avvio il 30 marzo 1998 con la creazione di un dispositivo di inquadramento specifico, strettamente legato alla strategia rafforzata di pre-adesione il cui obiettivo consiste nel maggiore allineamento possibile degli Stati candidati all'acquis comunitario già prima dell'adesione. In tale ottica, sarà considerevolmente aumentato l'aiuto di pre-adesione che, a partire dall'anno 2000, comprende, a complemento del programma PHARE, aiuti per l'agricoltura e uno strumento strutturale per privilegiare le azioni simili a quelle del Fondo di coesione. Nell'Agenda 2000, la Commissione ha proposto di riservare, fino al 2006, ai paesi candidati una dotazione globale di 45 miliardi di ECU di cui 7 sotto forma di aiuti di pre-adesione. In considerazione del suo elevato livello di sviluppo ed assimilazione dell'acquis comunitario, per Cipro è stata prevista una strategia particolare. I negoziati di adesione si sono aperti il 31 marzo 1998 sotto forma di conferenze intergovernative bilaterali con Cipro, Estonia, Ungheria, Polonia, Repubblica ceca e Slovenia. Parallelamente è stata accelerata la preparazione dei negoziati di adesione per gli altri Stati candidati. L'ampliamento in corso dell'Unione europea rappresenta per quest'ultima una sfida eccezionale in considerazione del gran numero di paesi candidati, della consistenza numerica della popolazione e del considerevole divario tra il grado di sviluppo di tali paesi e quello della media comunitaria. L’Unione si è proposta di realizzare l'integrazione di un insieme di 110 milioni di abitanti, pari ad un quinto della popolazione dell'Unione, ma il cui PIL corrisponde a meno del 5% di quest'ultima.

Anteprima della Tesi di Marzia Tamburrino

Anteprima della tesi: Cooperazione economica e ambientale dell'Unione europea con paesi del sud del Mediterraneo, Pagina 8

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Marzia Tamburrino Contatta »

Composta da 125 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3596 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.