Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La sperimentazione teatrale a Napoli dal 1965 al 1975

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 culturale.Le anteprime alla presenza del pubblico evitano, d’altra parte, ai comici il gelo del teatro vuoto, durante le prove generali tradizionali. L’8 Gennaio ’65 trionfa così al San Ferdinando L’arte della commedia.Un critico attento come Paolo Ricci sottolinea le infinite implicazioni morali ed i significati di questa straordinaria commedia eduardiana.Essa è senza dubbio “una delle più alte e convincenti dichiarazioni di fede nel realismo, ma è anche la protesta di un uomo civile e moderno contro gli assurdi aspetti della realtà….Il conflitto drammaticissimo si scatena tra il mondo burocratico e convenzionale del potere e dello stato di classe ed il mondo della gente che reclama libertà e giustizia, non accetta più le convenzioni, i moralismi, la demagogia.” 8 Possiamo affermare che in questa commedia è racchiuso il pensiero di un uomo di teatro che, fin dal dopoguerra, ha saputo cogliere nella realtà i momenti storici assoluti che esprimono i sentimenti collettivi ed il formarsi della coscienza delle masse popolari. Il cartello al San Ferdinando prosegue con una serie di novità interessanti: il 19 Gennaio1965 andrà in scena la Comedie Francaise con L’ecole des femmes di Moliere e Un capriccio di De Musset. Successivamente il Piccolo di Milano darà Sul caso di J.Oppenheimur di Heinar Kipphardt e Le baruffe chiozzotte di Goldoni, regia di G.Strehler. Importante presenza al San Ferdinando è il mimo francese Marcel Marceau, capace da solo, nel magico silenzio di un palcoscenico vuoto, di creare atmosfere drammatiche o idilliche, esplosioni di gioia, situazioni da incubo. L’arte di Marceau non può essere classificata e ridotta ad un solo genere; egli è sì un mimo, ma “la forza della sua comunicatività è nel suo essere attore, prima ancora che mimo, attore completo e moderno…”. 9 Il primo mondo ispirativo di Marceau fu quello sconsolato e tenero di Charlot, ma allo charlottismo egli portava un elemento originale, frizzante e tipico: la tradizione caratteristica di una certa recitazione mimica francese risalente a Max Linder, il grande attore del muto dei primi anni del cinema europeo. 8 Cfr: “L’Unità”,Giorn.N8,1965,9 Gennaio.Paolo Ricci:L’arte della commedia al San Ferdinando 9 Cfr: “L’Unità”,Giorn.N53, 1965, 23 Febbraio.Paolo Ricci: Uno spettacolo d’eccezione al San Ferdinando

Anteprima della Tesi di Concetta Castaldo

Anteprima della tesi: La sperimentazione teatrale a Napoli dal 1965 al 1975, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Concetta Castaldo Contatta »

Composta da 142 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2568 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.