Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le tecnopoli in Giappone

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

dalla guerra, ad assicurare loro la protezione sufficiente per rimettersi in piedi. La struttura dell'industria costituì un altro elemento di crescita per il Paese. Con la dissoluzione degli Zaibatsu e di gran parte della ricchezza privata, le vecchie conglomerate caddero nelle mani dei loro dirigenti che le fecero andare avanti con capitale bancario, che rappresentava il credito finanziario della nazione e i risparmi della gente. In altre parole i dirigenti non dovevano preoccuparsi degli azionisti e dei loro profitti trimestrali e potevano elaborare strategie a lungo termine. In un certo senso il Giappone entrò in una fase postcapitalistica di sviluppo industrializzato (Reischauer,1998, pp. 211-212). Anche questa fase dello sviluppo industriale si articolò secondo quella che viene definita la "struttura dualistica dell’economia" giapponese, in cui convivono un numero elevato di piccole e medie imprese e un ristretto gruppo di giganti economici. Nonostante i tentativi compiuti dagli americani per disgregare i grandi gruppi industriali, le piccole e

Anteprima della Tesi di Alessandra Guaglianone

Anteprima della tesi: Le tecnopoli in Giappone, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Alessandra Guaglianone Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2261 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.