Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Andrea Camilleri e il romanzo giallo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 «[…] la ricerca letteraria italiana si sviluppava allora su due tracciati nettamente divergenti: da una parte prosperava la narrativa sentimental- romanzesca, di ideologia piccolo-borghese […], dall’altra faceva il suo apprendistato, soprattutto in riviste, una narrativa stilisticamente rigorosa, ma memorialistico-esistenziale, proliferante tranche-de-vie ingombrate da un fastidioso «io autobiografico»; […] l’ideologia dello scrittore-vate (con il suo naturale sottoprodotto dello scrittore pedagogo) portava a privilegiare le figure dei «poeti» e dei «prosatori» rispetto a quelle dei “romanzieri”». 2 Sulla scia di Victor Hugo, Alexandre Dumas, Eugène Sue e Ponson du Terrail si svilupperà nei primi anni del Novecento un “pastiche” letterario che riunirà i generi del noir, del giallo, del gotico e dell’horror, all’inizio con una grande confusione dei ruoli. Ciò che però ci interessa analizzare in questa sede è la conquista del genere poliziesco sul suolo italiano, attraverso una serie di metamorfosi, un lento sviluppo aiutato ancor più dalla preferenza delle masse per una lettura disimpegnata, che va dal gotico, appunto, fino al “giallo” vero e proprio. Nonostante la contaminazione tra i generi, quello che fu subito chiaro agli autori era che «…“sangue, sesso e soldi” erano (visti i risultati dei precedenti francesi) tre addendi fondamentali che non potevano mancare nelle loro opere» 3 . La voglia di accontentare il pubblico si mischiava all’esigenza degli autori di denunciare il dramma sociale delle classi più povere ed emarginate. La volontà di raccontare prevalse, in alcuni casi, sul presupposto letterario; il risultato fu una serie di romanzi a metà tra la ricostruzione storico-sociale (come dettava in quegli anni la corrente verista) e un’aura di mistero. Ne sono degli esempi Matilde Serao, Francesco Mastriani, Carolina Invernizio, Franco Mistrali, Giustino Ferri, Alessandro Sauli e Carlo Collodi. 2 Raffaele Crovi, Le maschere del mistero, Firenze, Passigli Editori 2000, p. 29. 3 Luca Crovi, Tutti i colori del giallo, Venezia, Marsilio 2002, p. 24.

Anteprima della Tesi di Cecilia Fermi

Anteprima della tesi: Andrea Camilleri e il romanzo giallo, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Cecilia Fermi Contatta »

Composta da 154 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10208 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.