Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Andrea Camilleri e il romanzo giallo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Personaggi che convogliarono le simpatie popolari nella direzione dell’uomo normale, creando un fenomeno di specularità - o di proiezione - tra gli uomini della giustizia ed i loro appassionati lettori. Il genere giallo divenne presto molto amato in Italia, tanto da meritarsi l’appellativo di genere “popolare”. Un buon contributo alla diffusione dei racconti gialli fu dato dalla pubblicazione dei fascicoli a puntate della Casa Editrice Americana, che importava da oltreoceano le avventure del commissario Joe Petrosino, ispirato al poliziotto italo - americano realmente vissuto, e assassinato in servizio. Che fosse un omaggio alla memoria, o solo speculazione editoriale, fatto sta che il commissario Petrosino, di origine palermitana, «sfodera fin dal primo momento le sue innegabili origini tricolori e colpisce particolarmente l’immaginario popolare: lui che da spazzino era divenuto con grinta capo della Polizia di New York, acerrimo nemico della terribile Mano Nera che lo uccise barbaramente a Palermo nel 1909 mentre cercava di sgominarla definitivamente proprio nella sua terra d’origine» 9 . Finora la definizione di «romanzo giallo» non è ancora entrata nel lessico comune che serve a definire un genere letterario; per dar nome alla serie di storie e racconti misteriosi che nei primi anni del Novecento avevano colonizzato l’editoria italiana, erano state proposte varie soluzioni, il più delle volte dal sapore artificiale, quando non artificioso. Giuseppe Antonio Borgese aveva suggerito la definizione «romanzo detettivo» (nell’evidente tentativo di destare nel lettore la consapevolezza che quella che si stava per leggere era una storia con un «detective» per protagonista); dall’America si era cercato di importare il termine «thriller», nella traduzione di «mozzafiato» proposta dal linguista Bruno Migliorini; altra cosa era ancora «romanzo del brivido», comparso in un articolo di Alberto Rossi nel 1931. Ciò che oggi possiamo 9 Ibid., p. 40.

Anteprima della Tesi di Cecilia Fermi

Anteprima della tesi: Andrea Camilleri e il romanzo giallo, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Cecilia Fermi Contatta »

Composta da 154 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10208 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.